ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
La Fiera del Turismo FIT CUBA 2016 dalla Fortezza di San Carlos De La Cabaña Photo: Jose M. Correa

I titoli della stampa di Cuba e nel mondo ratificano il primo impatto e le istantanee lo legittimano. La Fiera Internazionale del Turismo FITCuba 2016, che ha già 36 anni di memorie e di esperienze accresce il suo  curriculum con il “valore aggiunto ” di vivere — in questa opportunità — l’edizione con la maggior affluenza nella storia di questi eventi.
Lo ha confermato ieri, mercoledì 4 maggio, il ministro cubano del Turismo, Manuel
Marrero Cruz, nella sessione delle presentazioni realizzate nel Salone dell’ Hotel Tryp Habana Libre.  La partecipazione quest’anno è superiore ai 2000 delegati provenienti da 50 paesi e ci sono 173 giornalisti.
Marrero si è riferito alla dichiarazione firmata martedì 3 maggio nella giornata inaugurale della 60ª Riunione della Commissione per le Americhe
dell’ Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT), nella quale 17 ministri che guidano le loro rispettive delegazioni regionali all’incontro hanno riaffermato la loro solidarietà con il popolo e il governo dell’Ecuador,  dopo il terremoto che ha colpito questa nazione sudamericana.
Il Ministro ha segnalato che nel 2015 Cuba ha ricevuto per la prima volata tre milioni di visitatori stranieri e le aspettative per quest’anno sono di ricevere 3.800.000 visitatori dall’estero.
Sino ad ora nel 2016  sono giunti a Cuba più di unmilione e mezzo di turisti di altri paesi e questo si traduce in una crescita del 13.5 % rispetto allo stesso periodo dell’ anno scorso.
I dieci paesi da dove proviene la maggioranza dei turisti - dall’Europa e dalle Americhe  - sono per la parte europea Germania, Regno Unito, Italia, Spagna e Francia, mentre per la parte americana — oltre al Canada nella sua condizione di leader  sono, Messico, Venezuela, Argentina e Stati Uniti.
Marrero ha informato che sono iscritti per partecipare a  FITCuba 2016  circa 200 imprenditori degli Stati Uniti e in quanto al flusso delle visite, l’anno scorso hanno visitato Cuba più di 161.000 statunitensi,  mentre nel calendario in corso lo hanno fatto sino ad oggi circa 94.000,  ed anche se Washington ha reso più flessibili le licenze di viaggio  da specifiche a generali, non sono autorizzate quelle per visitare Cuba per turismo.
Inoltre Marrero ha messo in risalto che ottenere la qualità integrale in tutti i servizi che offre il settore è la maggior priorità per questo ramo che implementa attualmente una politica che punta al consolidamento e alla differenza dei suoi prodotti, con la sicurezza d’essere al secondo posto dei sistemi della nostra economia  che apportano più entrate nei suoi conti.
Di fatto l’anno scorso il turismo ha apportato 2800 milioni di dollari e grazie al suo effetto moltiplicatore ha portato benefici anche ad altri settori e generato catene di produzione.
Attualmente le proposte di opportunità dell’organismo sommano 126 progetti d’investimenti.  
Marrero  ha sottolineato che alla fine d’aprile erano stati firmati 76 contratti d’amministrazione e commercio alberghiero con 17 catene internazionali e altri 23 progetti si dovranno incorporare prossimamente.
 La Ministra del Turismo del Canada, signora Bardish Chagger, ha ringraziato  perche il suo paese  è l’ invitato d’onore di questa Fiera ed ha sottolineato l’interesse di questa nazione che dal 1998 è il maggior mercato portatore di turismo in Cuba,  consolidando questi vincoli tra governi, che scrivono una storia di relazioni da più di settant’anni e anche “da popolo a popolo”. ( Traduzione GM- Granma Int.)