ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Trinidad è una delle città coloniali meglio conservate d’America , dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità da Unesco nel 1988. Photo: Roberto Suárez

Trinidad e al centro di quattro dei sei punti turistici della provincia di Sancti Spíritus. La sua privilegiata ubicazione la trasforma in una destinazione perfetta per praticare il turismo dei circuiti, una modalità che in Cuba comincia a guadagnare spazio, grazie alla varietà delle città patrimoniali che si possono incontrare per tutto il paese.
«L’anno scorso, come ha spiegato  Reiner Rendón Fernández, delegato del
Ministero del Turismo (Mintur) nella provincia, hanno visitato la destinazione
641.000 turisti. Per questa ragione si dà priorità alla crescita di questo settore e, «in questo 2018 si stanno terminando nella provincia cento abitazioni, si sviluppa il complesso di Santa Ana, che include una fabbrica di birra; si stanno terminando due fattorie con sette alloggi ciascuna ed è iniziata la costruzione del hotel Melià Trinidad, che conterà su 400 abitazioni. Nel mese di giugno scorso sono iniziati i lavori di costruzione di altre 500 abitazioni che saranno pronte per la fine del 2020», ha aggiunto il dirigente del Turismo.
«Nella  parcella di Ancón è previsto un altro immobile di 102 abitazioni, le dette capanne brasiliane, e s’inizierà alla fine del 2019 un hotel con cento abitazioni nel noto Cuartel de Dragones, un’antica caserma della cavalleria dell’esercito spagnolo, una delle meglio conservate d’America. È previsto l’inizio nella città di  Sancti Spíritus, in questo secondo semestre dell’anno, di un hotel con 12 abitazioni in un edificio coloniale del centro storico. Gli investimenti prevedono un ampliamento del hotel Plaza e del Hostal Don Florencio. L’anno prossimo si cominceranno ad attualizzare i poli turistici di Topes de Collantes, della città di Sancti Spíritus e di Yaguajay».
«Tutto questo permetterà, nel 2030, di contare con 20.000 abitazioni nella provincia delle quali 15.000 saranno statali e 5000 appartenenti al settore privato. Ugualmente abbiamo un piano di campi da golf associati a un’immobiliare di 2500 abitazioni. Rispetto al settore nautico si lavora per portare la marina esistente a 200 attracchi. Inoltre si prevede la creazione di altre Marine», ha spiegato ancora l’intervistato.
Come parte del piano di sviluppo sino al 2030 si prevede di lavorare a quello relazionato con il rifornimento di acqua, la domanda d’energia elettrica e lo sviluppo delle comunicazioni,  con l’aumento dell’industria nel territorio. (GM – Granma Int.)