ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Nave da crociera all’ancora nel terminal di Cienfuegos. Photo: Julio Martínez Molina

Le crociere come modalità turistica presentano una crescita sostenuta in Cuba, dove solo al porto de L’Avana nel 2017 sono arrivati  320.000 passeggeri e per la fine del 2018 si pensa che si giungerà a 500.000
Questa tendenza riafferma la fiducia e il riconoscimento per il prodotto turistico cubano e la sicurezza dell’Isola che al 18 maggio scorso, nonostante l’impatto dell’uragano Irma, l’indurimento del blocco da parte del Governo degli statunitensi  le campagne mediatiche indirizzate ad ostacolare i viaggi degli statunitensi ha contato due milioni di visitatori internazionali.
Nell’Isola altri porti mostrano condizioni favorevoli per lo sviluppo del turismo da crociera, come Cienfuegos, città Patrimonio Culturale dell’Umanità, che attrae migliaia di visitatori che la visitano e inoltre raggiungono El Nicho, il Giardino Botanico e le aree dei sentieri di montagna.
L’attività iniziata con un profilo limitato circa ventanni fa ha acquisito una notevole dimensione e la rada del sud e precisamente il terminal del porto No. 1 Olimpia Medina, già riceve settimanalmente navi di grande stazza con 1300 passeggeri a bordo.
Le navi da crociera apportano vita al Terminal e al Centro Storico di Cienfuegos. L’anno scorso, il migliore della storia, è stato registrato l’arrivo di 180 navi  con un totale di 30.809 visitatori di questa modalità.
Tra loro 1745 sono sbarcati cioè hanno abbandonato il terminal e hanno preso un autobus per andare all’aeroporto e 1763 passeggeri si sono imbarcati, giungendo dall’aeroporto e prendendo lì la nave da crociera.
Sino a maggio del 2018 ci sono state 70 visite di navi da crociera.
Prensa Latina ha informato che come parte dello sviluppo di questa modalità in Cuba, il porto delle navi da crociera de L’Avana sarà ristrutturato con lavori d’ampliamento a medio tempo.
Il programma dell’investimento prevede di aumentare i due terminali attuali a sei per il 2014. I terminali della concessione includono la creazione di un’impresa mista cubano - turca per l’amministrazione congiunta di questa
installazione del porto, la più importante dell’Isola e per il suo  commercio con un termine di 15 anni. (GM – Granma Int.)