Javier Sotomayor segnala il potenziale dell’atletica cubana › Sport › Granma - Organo ufficiale del PCC
ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Javier Sotomayor. Photo: El Universal

L’AVANA.–L’ex campione di salto in alto cubano, Javier Sotomayor, ha segnalato il potenziale dell’atletica nazionale per affrontare con successo le prossime gare internazionali, tra le quali i Giochi Centroamericani e dei Caraibi di  Barranquilla 2018.
Il recordman mondiale ha segnalato l’irruzione dei giovani nelle aree del salto e del lancio, durante una cerimonia di premiazione dei migliori sportivi giovani del paese nell’anno scorso, realizzata nel Memoriale La Denuncia.
Po ha citato tra le nuove promesse Jordan Díaz, nel salto triplo, che ha vinto il titolo mondiale giovanile di Nairobi 2017, con 17,30 metri, il miglior risultato della storia per i minori di 18 anni.  
Sotomayor ha anche ricordatao Maikel Massó per il salto in lungo e la lanciatrice di giavellotto, Marisleisys Duarthe ed ha elogiato il lavoro degli allenatori per perfezionare e migliorare l’impegno dei nuovi atleti e l’accurata preparazione  per ottenere i primo posti nell’appuntamento centroamericano e dei Caraibi, dal 19 luglio al 3 agosto.
 Jordan Díaz ha parlato del giro realizzato in Europa per ottenere nuove vittorie nella sua carriera, ed ha ricordato il risultato ottenuto nell’ultimo fine settimana, nella terza prova di selezione nazionale, con  17,32 metros, un tempo migliore di quello realizzato nella gara in Kenya.
L’eccellente sportivo di soli 16 anni ha espresso il suo desiderio di far parte della  rappresentazione cubana a Barranquilla, per  regalare al pubblico nazionale la medaglia d’oro ed ha riconosciuto che l’area del salto triplo nel paese ha anche altri atleti di alto livello, con ottimi risultati.  
«L’atletica, ha aggiunto Díaz, ha la forza per vincere a Barranquilla e apportare nuove medaglie,  con una buona partecipazione dei più giovani. La preparazione è buona per affrontare questa sfida».  
Poi ha anche espresso il suo desiderio di partecipare alle Olimpiadi di Tokio 2020.
Nei precdenti giochi  Centroamericani e dei Caraibi di  Veracruz 2014, Cuba aveva vinto 22 medaglie d’oro, 14 d’argento e otto di bronzo, triplicando quasi il vantaggio sul secondo paese nella lista delle posizioni, il  Messico, che ne aveva vinte  8-11-10. (Traduzione GM - Granma Int.)