ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Uno dei momenti dell’ inaugurazione del Salone della Fama a Matanzas. Foto: Jit

Matanzas - Con la celebrazione di tre illustri giocatori cubani di baseball è stato inaugurato in questo fine settimana il Salone della Fama del Baseball nella provincia, che arricchisce la storia e la gloria del nostro sport passatempo nazionale.
Il leggendario Palmar de Junco, lo stadio più antico del mondo sempre  in attività, è per giustizia il santuario ideale per ricordare, elogiandoli, i giocatori di Matanzas che si sono distinti in differenti epoche.
In questa opportunità sono stati citati  Ángel Gaspar “El Curro” Pérez, che Fidel aveva definito l’Eroe di Quisqueya per la sua lucida partecipazione al  Campionato Mondiale del 1969,  realizzato in Repubblica Dominicana.
Con lui sono stati elogiati  il famoso lanciatore e centro campo  Rigoberto Rosique, membro dei  mitici Tre Moschettieri , e Silvio García, di Limonár, che entrò nella Lega dei professionsti cubani alla fine della prima metà del secolo scorso.
“La selezione è stata fatta partendo da una lista di giocatori scelta da un comitato per la selezione e avallata da un consiglio dirigente”, ha detto Elena González Méndez, direttrice del progetto di sviluppo locale, che ha sede nella storica installazione sportiva.
Durante la cerimonia è stata elogiata la squadra di Matanzas per la sua partecipazione nell’ultima Serie Nazionale e sono stati omologati  i giocatori di Matanzas  elogiati in altri spazi simili, come l’immortale Martín Dihigo e José de la Caridad Méndez, tra gli altri.
Rosique e Gaspar, parlando con la stampa, hanno espresso la loro gratitudine e hanno fatto notare che ci sono molti giocatori nel territorio con meriti sufficienti per accedere a questo trono.
L’antico  Palmar de Junco, Monumento Nazionale dal 1991, è per la sua straordinaria esistenza, lo stadio più emblematico della pelota cubana, reliquia legata a generazioni di giocatori di baseball. ( Traduzione GM - Granma Int.