ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Iroel Santos in Serie dei Caraibi. Photo: Twitter

Gli Alazanes di Granma si sono affidati al braccio del loro astro Lázaro Blanco e all’opportuna offensiva del difensore centrale  Roel Santos per rompere il maleficio che pesava sulla squadre cubane nelle giornate d’apertura della serie dei Caraibi.  
I campioni cubani allenati da Carlos Martí hanno vinto il primo gioco del 2017 a  Culicacán, in Messico, contro  le Tigri del Licey.
Dopo il ritorno di Cuba in questa competizione nel 2014  a Margarita, in Venezuela, la squadra aveva perso nel primo gioco, e casualmente o per coincidenza,  il rivale era stato poi  lo stesso in alre tre occasioni: il Messico.
In Venezuela il vincitore fu  Naranjeros de Hermosillo, campione di quella Serie;  nel 2015 vinsero i Tomateros dei Culiacán giocando contro i  Vegueros di Pinar del Río, campioni di Cuba della stagione.
L’anno scorso i Venados de Mazatlán hanno battuto le Tigri di Ciego de Ávila.
Stavolta i rivali erano i dominicani, con le loro Tigres del Licey, la squadra che ha vinto più tornei dei Caraibi, con 10 trionfi.
Ma, a parte l’avversario, gli Alazanes sono venuti per vincere, come dice il cantante, anche lui granmense,  Cándido Fabré.
La squadra di Granma ha vinto le ultime sette partite di seguito.  
Oggi Cuba riposa e domani giocherà contro i Criollos de Cagua, il nono campione di Puerto Rico, partita in cui il mentore cubano ha già annunciato la partecipazione del destro Freddy Asiel Alvarez.