ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Foto: Marca.com

Gli Stati Uniti non sono stati i rivali dellArgentina è vero che mancavano te giocatori  importanti tra gli yankee —Wood, Bedoya e Jones—, ma Klinsmann si è sbagliato  con il suo piano.
Se l’idea era frenare Messi, ai tre minuti si è visto che non funzionava.
Lavezzi ha preso un corner con rapidità e ha passato il pallone a Messi che era completamente solo. La difesa ha tardato abbastanza perchè Leo disegnasse un passaggio da squadra, e Lavezzi che si era infiltrato tra gli statunitensi ribattesse di testa e superasse Guzan.
È stata la maniera migliore possibile per superare Batistuta come massimo goleador dell’Argentina con 55 goals.
La partita è finità lì.
Perchè l’Argentina ha preso il pallone e ha fatto sì che Banega si associasse a Messi nascondendo sempre la palla.
Gli Stati Uniti non sono stati precisi e Bradley era perso come Dempsey totalmente invisibile per tutto il gioco. Le opzioni degli yankee di rimontare sono apparse impossibili.  
Alla mezz’ora si è visto un’autentica meraviglia  degna da includere in una galleria, su come eseguire in tiro libero diretto.
Il guanto di Leonel ha accarezzato una palla che rapidamente come si era alzata è scesa ed è entrata in rete.
Il riposo non ha rianimato gli Yankee e l’Argentina ancora più viva si è classificata nella finale di un altro grande torneo.
La sola nota negativa per i biancazzurri sono state le lesioni  di Augusto e di Lavezzi – impressionante.  
Per fortuna Messi è intatto e il titolo desiderato dalla squadra, con lui a questo livello, è più vicino che mai. (Traduzione GM - Granma Int.)