ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Dilma Rousseff, presidente del Brasile, ha partecipato alla cerimonia dell’accensione della fiaccola. Foto: elcolombiano.com

BRASILIA.— La presidente del Brasile, Dilma Rousseff, ha dichirato che “tutti siamo olimpici”, in un discorso pronunciato durante la cerimonia dell’accensione della fiaccola, che per 84 giorni percorrerà 330 municipi, prima d’illuminare i giochi di Río.  Dilma Rousseff ha assicurato che la giornata resterà nella memoria, nel cuore e nella storia del paese, che è pronto per realizzare la più bella edizione di questo appuntamento quadriennale.
“Ilpaese è totalmente preparato per assicurare la protezione di tutti partecipanti”, ha aggiunto “Diffondiamo lo spirito olimpico nella nazione”, ha incitato la capo di Stato ed ha chiamato ad  associare al percorso della fiaccola olimpica per mostrare al mondo le bellezze naturali, la ricchezza, la diversità culturale e il calore umano del popolo brasiliano.
La presidente ha parlato del momento d’instabilità politica in cui transita oggi il paese, ma ha affermato che il Brasile saprà convivere con questa situazione. “Sappiamo che, come insegna lo spirito olimpico, la cosa più importante è lottare e noi lo sappiamo fare”, ha segnalato.
Inoltre ha indicato il legato che lascerà questo appuntamento, con un ampio programma culturale di  2200 spettacoli, con la partecipazione di  110.000 artisti, ed ha reiterato che tutto è pronto per soddisfare le più alte aspettative.
La pira con il fuoco olimpico portato da Atene è stata accesa nel Palazzo di Planalto dal  titolare del comitato organizzatore di Río-2016 e del Comitato Olimpico Brasiliano, Carlos Nuzman, e immediatamente dopo la governante ha acceso la fiaccola e l’ha consegnata alla prima tedofora, la campionessa olimpica di pallavolo Fabiana Claudino.
Il fuoco olimpico è stato acceso lo scorso 21 aprile a Olimpia, e una settimana dopo e dopo aver percorso 32 città greche, è giunto nello stadio Panathinaiko, sede dei primi giochi dell’età moderna dove lo hanno ricevuto   Ricardo Leyser, ministro dello sport di questa nazione, e Nuzman.
Dalla capitale la fiaccola proseguirà il suo periplo cominciando da Goiás, il secondo Stato della Federazione, includendo un tragitto di 90 giorni durante il quale la fiaccola sarà portata da 12.000 tedofori in 330 città, viaggerà per 20.000 Km e volerà per  altri 10000. (Traduzione GM – Granma Int.)