ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
La volontà di non perdere la sovranità è stata ratificata con le firme. Photo: del autor

HOLGUÍN. «No al blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti», è stato il grido reiterato dai giovani di 20 paesi durante la realizzazione della Festa degli Abbracci nella quale si espone la solidarietà che fomenta ogni edizione delle Romerías di Maggio.
In questo incontro fraterno realizzato nel parco Calixto García è stato reclamato al governo nordamericano d’interrompere subito la destabilizzazione che realizza con violenza contro il presidente venezuelano Nicolás Maduro e le conquiste della Rivoluzione Bolivariana.
Inoltre è stata sollecitata l’intensificazione della campagna mondiale per la liberazione del brasiliano Lula da Silva.

I giovani cubani e stranieri uniti nella denuncia delle ostilità che il governo degli Stati Uniti mantiene contro Cuba e il Venezuela. Photo: del autor

Promosso e organizzato dagli studenti universitari, il singolare incontro ha convocato i presenti a scrivere in un grandissimo cartellone illustrato con l’Isola di Cuba, le loro firme come un’altra azione di conferma dell’opposizione alle ostilità denunciate.  
Vivacizzata dall’impeto giovanile, la manifestazione ha avuto una costante coreagrafia nella quale hanno predominato le mani unite, le bandiere di varie nazioni ben in alto, tutto accompagnato da Viva!, per i popoli che resistono alle aggressioni degli Stati Uniti, con canzoni tra le quali  «El Necio», di Silvio Rodríguez.
Dall’inizio di questa edizione nella quale le Romerías di maggio hanno festeggiato  il loro 25º  anniversario, la condanna del blocco costituisce un elemento di perenne presenza, come dimostra tra gli altri l’incontro «Giovani per la pace», nel quale sono intervenuti vari studenti africani che studiano nelle facoltà della zona .
Gli organizzatori delle Romerías di Maggio hanno informato che la notte del 7 maggio, alla chiusura di questa edizione, è stata realizzata la convocazione della prossima edizione con più voci e azioni a favore dell’appoggio a Cuba, al Venezuela e a tutte le cause giuste. ( GM – Granma Int.)