ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Parrandas di Remedios

Ogni 24 dicembre nella regione centrale di Cuba, 18 comunità celebrano le famose Parrandas, questa festa tradizionale che si organizza  dal 1820 che è stata dichiarata di recente Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità.
«Per Cuba è stato un orgoglio ricevere questa dichiarazione, ma anche una responsabilità», ha assicurato a Granma, Gladys Collazo, presidente del Consiglio Nazionale del Ptrimonio Culturale .
«Prima è stata la  Tumba Francesa, poi la Rumba , quindi il Repentismo e ora le Parrandas, tutta una diversità di manifestazioni che dimostrano il nostro ampio ventaglio culturale».
Sono molti gli abitanti parranderos che si sentono orgogliosi di questa dichiarazione ed è per questo che quest’anno realizzare la festa e vincere significa molto di più.
La festa consiste nello scontro tra due quartieri. Ognuno presenta il suo lavoro in piazza, la sua carrozza, la sua pirotecnia; e solo alle 6 del 25 mattina c’è un vincitore.
Chi lo decide? Il popolo, e questo è il miglior regalo.
José Enrique Jiménez, è parrandero da  31 anni e presidente del Qurtiere  El Carmen. Sulle sue spalle cade la responsabilità che il suo quartiere sia il vincitore a Remedios.
«Cominciamo a lavorare molti mesi prima, scegliendo i progetti, la carrozza e la decorazione della piazza delle due comunità. Preparimo i fuochi artificiali  e cominciamo a costruire tutto perchè non manchi niente alla data stabilita. È un impegno molto grande, sono molte ore, giorni e notti lavorando, ma poi la soddisfazione è più grande di tutto. Non c’è niente paragonabile», ha detto José Enrique.
Ignacio Rojas è barbiere,  ha fatto 20 disegni per i lavori nelle piazze per queste feste. Quest’anno il suo disegno è alto circa trenta metri d’altezza e più di venti di larghezza e ricrea immagini di un film che ha visto con suo nipote.
«Io non sono pittore, non sono architetto e non ho scuola. Questo è una cosa naturale dei remediani. Da bamabini stavamo sulle costruzioni piegando fogli, dipingendo, e così abbiamo imparato», ha spiegato Rojas, nato lì a Remedios.
Grazie al lavoro collettivo di falegnami elettricisti, decoratori, pittori e molto di più, il progetto si termina a tempo. Per questi artisti autodidatti,  la miglior allegria è vedere la popolazione che si diverte con le loro creazioni nelle feste.
«In questa giornata si vivono molte emozioni. Si vedono l’amore e la dedizione che le persone provano per il loro quartiere ed è questo quel che facciamo», ha aggiunto José Enrique, il presidente del barrio El Carmen.
«Realmente è una festa unica, e lo mostrano tutti i praticanti portatori che nella regione centrale seguono questa tradizione e i gruppi sociali che hanno caratterizzato tipicamente l’espressione di questa festa.
In Remedios c’è una grande teatralità ma in altri luoghi ci sono altre strutture che corrispondono alle necessità d’espressione artistica di coloro che realizzano questa festa nel centro del paese ha spiegato  Juan Carlos Hernández, specialista principale del Museo delle  Parrandas.
Gli elementi che  Unesco considera per la dichiarazione di  Patrimonio Culturale Immateriale dell’ Umanità, sono molti.
Rafael Lara, metodologo nazionale di Cultura Popolare Tradizionale,  ha detto che uno dei requisiti fondamentali è che la festa abbia una trascendenza  riconosciuta dalla stessa comunità.
«La pratica deve mostrare che è stata elaborata dagli stessi portatori di tradizioni e che non esiste un inquinamento istituzionale. SI deve vedere la comunità come protagonista dei processi culturali d’identità di questa espressione; un altro elemento è il senso di continuità che è stato dimostrato nelle celebrazioni delle parrandas infantili», ha aggiunto Lara.
Dopo l’annuncio i parranderi della regione centrale dell’Isola si sentono più felici e e impegnati. Lo conferma Juan Carlos Hernández, specialista principale del Museo delle Parrandas.
«È un riconoscimento all’intelligenza collettiva, all’espressione culturale fatta dal popolo  per poi essere goduta da lui stesso. È una festa molto singolare perchè vi partecipano tutte le persone senza differenze. Giustamente questo  è quello che sono le Parrandas: unità culturale,  una festa unica che dstingue la nostra cultura nazionale nella regione dei Caraibi e dall’America Latina ». (GM – Granma Int.)