ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Foto: Granma

La lingua italiana nel giornalismo è stato il tema centrale di una lezione magistrale offerta agli studenti che frequentano i corsi dell’Istituto di Cultura Italiana Dante Alighieri de L’Avana.
L’iniziativa  è stata organizzata per permettere agli studenti una migliore comprensione della lingua, entrando in contatto con una realtà nuova per loro.
Il compito è stato affidato al giornalista calabrese Nicola Pirone.
Il direttore della scuola italiana, Pierluigi Riccioni  ha ringraziato il giornalista arrivato dalla Calabria, per la disponibilità verso la comunità italiana in Cuba, e si è soffermato sull’importanza dei giornali per l’apprendimento e la divulgazione della lingua.
Nicola Pirone ha parlato dei vari cambiamenti negli anni all’interno della stampa italiana a livello lessicale, portando come esempio anche i giornali per cui lavora, soprattutto dal punto di vista strutturale e dell’importanza della libera informazione, delle differenze con i giornali digitali dopo l’avvento di internet.
Al termine della relazione, semplificata con immagini di vari giornali, sono stati gli studenti della Dante Alighieri a porre domande sul tema della lezione, particolarmente affascinati da un mondo differente, che permette d’entrare in contatto con la lingua italiana.
Il giornalista calabrese è stato invitato  a portare la lezione nel nuovo corso di linguistica italiana nel prossimo mese di gennaio.  
Nicola Pirone, che lavora per Il Quotidiano del Sud e dirige Kalabriatv.it e la Barcunata è stato ricevuto  dal presidente della UPEC Ricardo Ronquillo e dal comitato direttivo cubano dell’istituzione,  e nell’occasione si è discusso di stampa internazionale e nazionale, italiana e cubana,  con laproposta di una maggiore collaborazione  già dai prossimi mesi.
Nicola Pirone sarà presente alla commemorazione di José Martí del prossimo 28  gennaio 2019, invitato proprio dalla UPEC. (NP- GM).