ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Una nuova generazione di musicisti apporta prestigio alla qualità della sempre amata e rispettata Orchestra Riverside. Photo: Archivo

Fondata nel 1938 come Jazzband Havana Riverside dal suo primo direttore, il compositore e violinista Enrique González Mantici, gli attuali membri dell’Orchestra poi chiamata Riverside, oggi diretta dal sassofonista Raúl Nacianceno, hanno celebrato il suo 80º anniversario con lo spettacolo Memorias, nella Casa della Musica Plaza di 31 e 2.

Per fare giustizia alla sua storia nella quale l’orchestra nella sua detta “epoca d’oro” accompagnò artisti famosi come Pedro Vargas, Fernando Fernández, René Cabel, Merceditas Valdés, Miguelito Valdés, Orlando Vallejo, e i duo di Alicia Rico e Armando Bringuier, e di Rosita Fornés e Armando Bianchi, tra gli altri, hanno invitato a condividere lo scenario diversi interpreti di distinte generazioni, tutti amanti della musica cubana.

Deysi Ortega, Rebeca Embil, Beny Luis, Ramón Avilés con Eusebio e Jorge Alí, questi ultimi due membri del quartetto Génesis, è stato un orgoglio cantare con i giovani che oggi formano questo importante gruppo, in maggioranza diplomati nelle nostre scuole d’arte, che non hanno avuto dubbi per rispondere al richiamo di Naciancieno dopo 17 anni d’assenza dai principali palcoscenici del paese, per far rivivere in una nuova tappa la Riverside.

Molti brani ascoltati nello spettacolo han fatto viaggiare nel tempo emozionando i presenti soprattutto quando già alla chiusura tutti i partecipanti hanno unito le loro voci nell’interpretazione della più nota canzone dell’orchestra Riverside: “Vereda Tropical”, che fa reso eterno Tito Gómez.

Va felicitata la Egrem per la possibilità che ha offerto alla Riverside di presentarsi in uno dei suoi centri culturali e per permetterle di continuare per tre venerdì nel mese di novembre, in un momento in cui il pubblico applaude la presenza di gruppi di questo formato, per divertirsi anche con la famiglia, al disopra degli interessi economici, che a volte per le amministrazioni di alcuni centri vanno al disopra a lacerano il nostro patrimonio musicale.

Orchestre come la Riverside, che fu la prima del suo tipo ad apparire agli inizi della televisione cubana, nel lontano 1950, potrebbe stare oggi in un media di massa.

Ugualmente credo che questo gruppo dovrebbe ripetere questo spettacolo in qualche teatro dove possa assistere molto pubblico. ( GM – Granma Int.)