L’Avana con sapore a salsa › Cultura › Granma - Organo ufficiale del PCC
ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Alain Pérez, uno degli invitati al Festival. Photo: Yaimí Ravelo

La terza edizione del Festival della Salsa 2018, auspicato dall’ Impresa del Carnevale e della Direzione di Cultura de L’Avana, Artex, la Egrem, e l’Istituto Cubano della Musica, si svolgerà dal 21 al 25 di questo mese.

La manifestazione musicale presieduta dal noto musicista cubano Maykel Blanco, direttore del grupo Salsa Mayor, avra come sede il Parco Metropolitano e come vice sede l’Hotel Comodoro, tutti e due nella capitale del paese.

Seminari di musica e danza, sfilate di comparse, concerti e spettacoli vari, oltre alla presentazione di DJ cubani, d’Italia e Francia sono alcune delle attività.

Da giovedì 22 il Parco Metropolitano aprirà le sue porte dalle 17.00 , riservando per le 19.00 l’inizio dei concerti offerti al pubblico ogni giorno da quattro gruppi cubani di salsa.

Qui si potrà apprezzare la musica di Los Van Van, Will Campa, El Niño y la verdad, Paulo FG y su Élite, Adalberto

Álvarez y su Son, Pupi y los que Son Son, Alain Pérez, Haila, e Alexander Abreu y Havana D’ Primera, tra i tanti. E naturalmente Maykel Blanco y su Salsa Mayor.

L’ultima notte ci sarà un omaggio all’opera di Manolito Simonet y su Trabuco, orchestra che compie 25 anni e che ha invitato la cantante Tania Pantoja.

Il festival, ha detto Maykel Blanco, oltre a potenziare la musica popolare ballabile, offre al pubblico cubano la possibilità di ballare con le migliori orchestre del genere e condividere l’allegria con ballerini di altre parti del mondo.

«Data l’esperienza acquistata nelle edizioni precedenti , ha detto, questo Festival presenta una maggior organizzazione e conterà con più opzioni culturali, con la forza di far coincidere nello stesso scenario orchestre emblematiche di grande successo con altre più giovani che difendono il genere dalla loro generazione».

Gli organizzatori non sono riusciti a realizzare la presenza di orchestre di salsa straniere che vengano a condividere con i cubani la loro musica e questa resta un’aspirazione degli organizzatori del Festival di Salsa de L’Avana, manifestazione musicale sognata in vita dal maestro Juan Formell, che per molto tempo si chiese com’era possibile che i gruppi cubani partecipino ai festivals di salsa più importanti del mondo e che noi, i genitori del son, non abbiamo un Festival internazionale che potenzi il genere e i suoi rappresentanti locali, assolutamente legittimi.

I biglietti per assistere al Festival della Salsa in Cuba si venderanno in moneta nazionale e si acquisteranno nel Parco Metropolitano dal 22 al 25 febbraio, ogni giorno dalle 17.000 alle 23.00. ( Traduzione GM - Granma Int.)