ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Con la presentazione del clarinettista Janio Abreu e  il suo gruppo Aire de Concierto, che festeggiano il loro primo decennio di lavoro, è iniziata  nel teatro Mella della capitale la Giornata dei Concerti che precede la XXXIII edizione del Festival Internazionale Jazz Plaza 2018,  che si svolgerà dal 17 al 21 gennaio, tra L’Avana e Santiago di Cuba.
Con gli auspici del Centro Nazionale di Musica Popolare e dell’Istituto Cubano della Musica, sabato 16,  la vocalista Daymé Arozena ha cantato temi del suo disco  intitolato Cubafonía, e ieri,  domenica 17 il maestro Joaquín Betancourt e la sua Joven Jazz Band,  che  compirà a sua volta un decennio dalla fondazione hanno presentato il loro CD Mambazo, della produzione  Colibrí, ed è stata inaugurata un’esposizione del Premio Nazionale delle Belle Arti  Nelson Domínguez, che ha realizzato il disegno del disco.
Fonti del comitato organizzatore del Festival hanno informato che la decisione di trasferire ad altra data l’edizione  XXXIII ubbidisce, tra vari elementi, al fatto che l’importante incontro che ha sempre convocato il meglio del jazz mondiale, avrebbe coinciso con il Festival Internazionale del Nuovo Cinema Latinoamericano e alla Fiera dell’artigianato.
Ma la motivazione più importante è che partendo da questa nuova edizione si vuole avvicinare l’appuntamento il più possibile alla data originale di realizzazione.
Il primo Festival Jazz Plaza si realizzò  nel mese di febbraio del  1980 e fu  un’idea dello showman di Cuba e Premio Nazionale di Musica, il maestro Bobby Carcassés, nella  Casa di Cultura del municipio di Plaza de la Revolución, a L’Avana..
Chucho Valdés, presidente del Festival, sarà l’incaricato  dell’inaugurazione nel gennaio prossimo.
Com’è  abituale, ci sarà un evento teorico nel quale s’impartiranno lezioni magistrali e conferenze internazionali.
Tra queste ultime si annuncia la presenza di Supernova jazz Trio, il  più importante formato di questo tipo, del sud argentino, formato da  Fernando Balestra (piano, arrangiamenti, composizione e direzione), Lisandro Diez (contrabasso) e Fernando Tomassini (batteria e percussioni). ( Traduzione GM - Granma Int.)