La bellezza della nostra gente dall’arte › Cultura › Granma - Organo ufficiale del PCC
ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Anche se manca tempo ancora prima che il Festival Arti di Cuba giunga agli scenari statunitensi, non ci sono dubbi che la cultura diventerà ancora una volta uno spazio d’incontro per i due popoli che si sono visti distanziati dalle ansie imperiali di dominio delle successive amministrazioni contro l’Isola.
Più di 50 attività che si svolgeranno tra l’8 e il 20 maggio del prossimo anno nel Centro John F. Kennedy a Washington, saranno l’opportunità per far sì che molti negli Stati Uniti si avvicinino forse per la prima volta al talento artistico cubano, con creatori protagonisti residenti nell’Isola e fuori e in cui è rappresentata una vasta gamma della cultura cubana.
Deborah Rutter, direttrice del Centro, ha affermato che Cuba è una potenza culturale che dà continuità alla tradizione di proporre sulle sue scene gli artisti internazionali più famosi ed ha segnalato che contare con una mostra tanto diversa di creatori in questo spazio è una cosa senza precedenti.
Alicia Adams, vicepresidente della Programmazione Internazionale dell’istituzione anfitriona,  ha indicato che la cultura cubana è una delle più dinamiche del mondo per via della miscela d’influenze che la condizionano.
Per il Centro è molto significativa la presenza della Prima Ballerina Assoluta Alicia Alonso e del Balletto Nazionale di Cuba, per il quale è stato aggiustato un programma che onora il 40º anniversario delle turnèe con la grande artista protagonista.
Assieme alle altre manifestazioni artistiche sarà presente il cinema e si renderà omaggio al  Festival Internazionale del Nuovo Cinema Latinoamericano, che compirà 40 anni dalla fondazione, nel 2018. (Prensa Latina, RC/ Traduzione GM - Granma Int.)