ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

La storia di Cuba raccontata attraverso diversi film di registi dell’Isola caraibica ha affascinato italiani e cubani presenti nella terza giornata del Festival del Cinema di San Lorenzo, un quartiere romano antifascista caratterizzato dalla lotta alla resistenza e dall’impegno politico quotidiano.
Gli organizzatori e patrocinatori del Festival, tra i quali c’è il Circolo Roma della Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba(ANAIC), hanno segnalato la coincidenza storica del 3 giugno con il 86 compleanno del Capo dello Stato e del Governo della Repubblica di Cuba Raùl Castro Ruz  e la liberazione definitiva di Roma nell’anno 1944 quando le truppe tedesche lasciarono la capitale d’Italia.
Irma Gonzàlez Salanueva è stata la portatrice de la voce di Cuba con l’originale incontro con un pubblico che accuratamente ha seguito i racconti di opere cinematografiche cubane tra i quali:  “Los Sobrevivientes”, “Polvo Rojo”, “Caravana”, “Entre ciclones”, “Playstation”, “Conducta”  e della serie TV “Algo màs que soñar”che fanno riferimento a diversi momenti della storia della Revoluzione nata il primo gennaio 1959 e che continua tutt’ora il suo corso vittorioso assieme al suo popolo.
“Sono già passati tre anni da quando tante volte avevo parlato nelle tribune chiedendo a molte persone solidarietà in favore dei 5 eroi cubani tornati tutti all’ Isola caraibica nel dicembre di 2014 dopo 16 anni di carcere negli Stati Uniti per lottare contro il terrorismo”, ha detto la giovane psicologa e figlia di Rene.
“La mia presenza al Festival è per parlarvi del mio popolo, di quanto i cubani seguendo l’esempio di José Martì, Antonio Maceo, di Fidel Castro e tanti altri, continuano la lotta per essere più cubani, come si può apprezzare negli argomenti delle pellicole nostre che vi ho narrato”, ha sottolineato Irmita  e ha ringraziato il Circolo Roma ANAIC per l’ invito a Roma, Milano, Piombino, Pordenone, e a Sardegna tra altri destinazioni italiani. 
Il Consigliere Politico dell’Ambasciata della Repubblica di Cuba in Italia Mauricio Martìnez Duque dopo il ringraziamento allo staff del Festival per la loro vicinanza  alla Maggior delle Antille, ha detto che queste iniziative di solidarietà con l’Isola riducono le distanze tra il mar Mediterraneo e il Caraibi.
Dall’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia(Roma) inoltre il ricordo al Comandante Eterno Fidel Castro è stato trasmesso il messaggio di appoggio alla Rivoluzione cubana che è un riferimento di giustizia sociale verso il suo popolo e anche per il suo lavoro internazionalista.
Questo 1° Festival del Cinema di San Lorenzo dedicato alla libertà e nato dal bisogno della resistenza, in questa terza giornata ha organizzato incontri con i registi Ivano di Matteo e Valentina Ferlan e con Giuseppe Sansonna di cui è stato proiettato il suo docufilm “The cuban Hamlet”.
Domenica 4 giugno chiuderà il Festival con la presentazioni di film, documentari, incontri d'autore a San Lorenzo, un quartiere frequentato dagli studenti della Università degli Studi di Roma "La Sapienza" (l'ateneo più grande d'Europa), ed animato da numerosi pub, ristoranti, birrerie e associazioni culturali, perdendo via la fisionomia schiettamente popolare che aveva assunto dal suo sorgere al dopoguerra.