ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Sotto l’aureola di Humberto Solás, si svolgerà dal 16 al 22 aprile il Festival Internazionale del Cinema di Gibara, nominato così di recente, a Holguín, presieduto quest’anno da Jorge Perugorría, e dedicato alla Spagna come paese invitato d’onore e agli attori cubani  Mario Balmaseda e Mario Limonta.
Si sommano le attività per i 200 anni di questa bella città che si prepara elegantemente a ricevere personalità e artisti di vari paesi del mondo, tra i quali gli spagnoli Victoria Abril e Imanol Arias, che presenteranno un loro recente film, come  il portoricano Benicio del Toro.
In  una conferenza stampa, Perugorría  ha segnalato che la festa che ora si celebrerà tutti gli anni, ha la stessa essenza della fondazione di Solás come Festival del Cinema Povero  e cambia solo il nome per aprire lo spettro a a più partecipanti.
Si manterrà ugualmente lo spirito interattivo con la presenza della musica della danza, le belle arti, il teatro e letteratura, con l’obiettivo d’apprezzare uno spettacolo cinematografico che si è guadagnato un luogo ben in alto nella cultura nazionale.
Parlando del programma, José Manuel Palma, direttore del Festival, ha annunciato che la gala d’apertura avrà come protagonista il gruppo Codanza, poi si proietterà il film dell’inaugurazione, seguito da un concerto di Pablo Milanés e il suo gruppo in piazza Da Silva.
Tutto questo prima d’una giornata carica di azioni dalle dieci di mattina, con l’inagurazione di esposizioni, la conversazione sul Premio Lucia, l’opera di  Humberto Solás e l’annullamento di un francobollo allegorico con l’ appuntamento.
Sono in competizione 141 opere cubane e di produzioni miste provenienti da Bolivia, Stati Uniti, Spagna, Colombia, Canada, Messico, Italia, Svizzera, Nicaragua, Argentina,e Brasile, nelle categoria di lungometraggi di fiction,
cortometraggi di fiction e documentari.
I registi sono in gare per il Premio Lucia, opera dell’artista Rafael Pérez, consistente in una figura di donna in bronzo che posa su una lente fotografica, una mostra dello spirito liberatore che ha dato il nome all’antologica pellicola di Solás.
Inoltre si assegnerà il Premio Humberto Solás al cinema in costruzione.
Questo Festival continuerà a crescere grazie allo sforzo del Ministero di Cultura e dell’Istituto Cubano  dell’Arte e l’Industria Cinematografiche  (ICAIC) e delle autorità del Potere Popolare e del Partito di Gibara ed anche di Velasco, dove il Festival s’estende e la cui premiazione si svolgerà la sera del 22 aprile nel cinema Jibá. ( Traduzione GM - Granma Int.)