ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Il pensiero del Comandante Ernesto Che Guevara e la sua influenza nella formazione delle nuove generazioni sono state le idee che hanno centrato il dibattito dell’ultima giornata del Congresso Internazionale  Pedagogia 2017, che si è svolto recentemente nel Palazzo delle Convenzioni de L’Avana.
María del Carmen Ariet García,coordinatrice del Centro di Studi Ernesto Che Guevara, ha indicato l’importanza che i bambini e i giovani conoscano il pensiero e l’opera del Che,  perchè è il simbolo dei più alti valori morali e altruistici. Ugualmente ha chiarito che è stato un uomo con difetti, errori e molte virtù e questo lo dobbiamo trasmettere alle prossime generazioni.
Aymara Guzmán Carrazana, presidente dell’Organizzazione dei Pionieri José Martí, ha segnalato il lavoro che realizzano nella formazione etica degli educandi attraverso le attività e i concorsi come  *Aprendimos a quererte*, in onore alla sua figura, e il simbolico cambio del fazzoletto nella scuola media.
Mayra Romero, direttrice del Complesso Monumentale del Guerrigliero Eroico, a Villa Clara, ha indicato l’utilità del centro per diffondere e rendere omaggio a tutto il suo percorso rivoluzionario.
Inoltre questa entità ha aiutato a confezionare con le imprese d’informatica e dei mezzi audiovisivi del Ministero d’Educazione (Cinesoft), materiali audiovisivi per una miglior conoscenza della sua vita da parte dei bambini e delle persone in generale.
“Ci sono 50000 interazioni nelle visite virtuali, vista aerea e vista notturna, la musica, i video, i discorsi, una cronologia, tutto confezionato per la famiglia, e altre attività per far sì che il bambino controlli quello che non ha visto ancora e quello che ha già appreso”, ha segnalato Iván Barreto Gelles, direttore generale di Cinesoft.
I presenti hanno coinciso sulla necessità di riscattare la figura del Che nell’educazione, ma non solo per quello che è stato, ma quello che sarà per le future generazioni. (Traduzione GM – Granma Int.)