ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Cinema 23 y 12, sede della Cinemateca. Photo: Anabel Díaz

La Cinemateca di Cuba ha festeggiato ieri, mercoledì 8, il  57º anniversario  dalla sua creazione con una gala culturale che ha reso omaggio alle origini del cinema.
La cerimonia realizzata nel cinema 23 y 12 della capitale, ha compreso  un concerto dell’Orchestra da Camera  de L’Avana e la proiezione del documentario intitolato * La prima funzione*
Questo documentario presenta i cortometraggi proiettati nella prima proiezione cinematografica mondiale del 28 dicembre del 1895 a Parigi, in Francia.
Il direttore della Cinemateca di Cuba, Luciano Castillo, ha detto che in questa occasione si vuole ricordare l’arrivo del cinematografo dei fratelli Lumiere a Cuba, dato che lo scorso 24 gennaio si sono compiuti 100 anni da quando si gode nell’Isola di questa invenzione.
Al termine dalla gala è stata proiettata l’ultima  copia  del classico * Il monello*, di Charles Chaplin, restaurata dalla Cinemateca di Bologna, in Italia.
In questo mese di febbraio, la Cinemateca di Cuba celebra il suo 57ª anniversario con la mostra di alcuni classici della sua collezione, restaurati  in accordo con  modelli internazionalmente riconosciuti .
*Memorias del subdesarrollo*, *Una pelea cubana contra los demonios*,* Los Sobrevivientes* e *Retrato de Teresa+, sono le pellicole che si proiettano nella sede dell’entità, il cinema 23 y 12.
Queste pellicole sono state restaurate grazie agli accordi dell’Istituto Cubano d’Arte e Industria Cinematografica (Icaic) con istituzioni straniere come il laboratorio della Cinemateca di Bologna, in Italia, tra le altre, con le tecnologie necessarie per riscattarle e preservarle in accordo con i modelli contemporanei. (Traduzione GM – Granma Int.)