ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Il regista cubano, Fernando Pérez, ha ricevuto vari premi collaterali con il suo film *Últimos días en La Habana*, nel 38º Festival del Cinema de La Habana. Photo: Yander Zamora

I premi collaterali del 38 Festival Internazionale del Nuovo Cinema Latinoamericano  sono stati consegnati ieri,  giovedì 15, nel  Salone Taganana dell’ hotel Nacional, nella cornice dell’incontro che unisce i cineasti del continente.
Il film cubano *Últimos días en La Habana*, di Fernando Pérez ha ricevuto due premi e la menzione  Don Quijote  assegnata dalla Federazione Internazionale dei  Cineclubes.
Questo film, che ricrea una realtà cubana che non è abituale nel cinema, ed ha come protagonisti Jorge Martínez e Patricio Wood, ha ottenuto  il Premio El Mégano, assegnato dalla Federazione dei Cineclubes di Cuba, mentre la Menzione è andata a Sharing Stella (Enrique Álvarez) *per il suo acume  tematico*.
Aquarius, il film brasiliano di Kleber Mendonça, che *riflette la lotta di una donna e trasforma la colonna sonora in personaggio*,  è stato premiato da Radio Habana Cuba, con il Premio Roque Dalton e, ugualmente, ha ricevuto dalle mani di Antonio Claudino de Jesús, il premio Don Quijote.
Come rappresentante dello staff di realizzazione, lo ha ricevuto l’attrice principale, Sonia Braga.
La Casa de las Américas ha premiato *Los Nadie*, del colombiano Juan Sebastián Mesa.
Il Premio Caminos, del Centro Martin Luther King è andato al film venezuelano *El Amparo*, de Robert Calzadilla. L’opera prima di Jonal Cosculluela, *Esteban*,  ha vinto il  Premio Vigía, della sede di Matanzas del Festival.  Inoltre “ per essere la produzione che riflette meglio i diritti del bambino attraverso l’eccellente recitazione del piccolo che impersona  Esteban”, l’opera ha meritato il Premio Unicef 2016.
“Questo premio  acquisisce una maggior importanza quest’anno, che è il 70º dell’organizzazione”,  ha dichiarato Arsenio García, incaricato della consegna.
Yaima Leyva, membro del portale della Fondazione del Nuovo Cinema Latinoamericano,  ha informato sui films che hanno ricevuto il  Cibervoto 2016, che si assegna come risultato del voto popolare : *Chatarra* (Walter Tournier), dell’Uruguay, in Animazione; *Cinema Novo*, del brasiliano Eryk Rocha, in documentari; *Caparazón*, della cubana Joanna Pérez in cortometraggio di fiction; *Oscuro Animal*, del colombiano Felipe Guerrero, in opera prima e *Últimos días en La Habana*, in largometraggio.
*El ciudadano ilustre*, diretta da Gastón Duprat e Mariano Cohn, ha ricevuto il  Premio dell’Associazione  Cubana della  Stampa  Cinematografica.
Il premio della UNEAC - Unione degli Scrittori e Artisti di Cuba (Uneac)  che si assegna da  30 anni, è andato a *Neruda*, del cileno Pablo Larraín, “per il trattamento della personalità del grande  poeta”.
La pellicola cilena *Rara* (Pepa San Martín) ha ottenuto il Premio Únete, della campagna omonima delle Nazioni Unite per la non violenza contro le donne e le bambine.
 In questa linea, dato che si tratta di una denuncia dell’estrema violenza contro la donna , la Rete delle Realizzatrici cubane ha premiato l’opera di  Víctor Gaviria, *La mujer del animal* e quella della regista  cubana Patricia Ramos, debuttante in questo festival con *El techo*, che ha ricevuto anche il premio del Circolo della Cultura dell’Unione dei Giornalisti di Cuba, UPEC. ( Traduzione GM – Granma Int.)