ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Come parte dei festeggiamenti per ilGionro della Cualtuta Cubana e lagenda dellaXXII Festa della Cbania è stat ainaugarta una scultura a grandeza naturae di Nicolás Guillén. Foto: Luis Carlos Palacios

Bayamo, Granma- Una scultura a grandezza naturale di Nicolás Guillén, Poeta Nazionale, è stata inaugurata il 20 ottobre, Giorno della Cultura cubana nel Museo del Cere che si trova a Bayamo, il solo del genere nell’Isola.

Realizzata da Rafael Barrios e i suoi figli Leander e Rafael, la figura mostra l’artista in piedi che regge un libro nelle mani, come stesse declamando una delle sue poesie.

Nell’occasione Nicolás Hernández Guillén, nipote del poeta, ha ringraziato le autorità politiche, di governo e del settore della cultura in Granma per aver reso possibile la realizzazione di questa scultura in cera, i creatori della scultura, e il collettivo del Museo delle Cere.

Poi ha commentato che in questi tempi la cultura deve affrontare l’offensiva colonizzatrice globale e avvicinare le nuove generazioni di cubani alla vita e all’opera di questo eccezionale poeta, che è necessario come parte del capitale simbolico del paese e dei tratti più genuini della cubania.

In una dichiarazione alla stampa, Hernández Guillén si è dichiarato soddisfatto con il risultato dell’opera, soprattutto per la fedeltà dei dettagli delle mani e dei capelli.

Luis Álvarez, saggista, scrittore, fondatore dell’Istituto Superiore d’Arte di Camagüey, e presidente del consiglio tecnico e assessore della Direzione provinciale di Cultura di questa provincia, ha risaltato l’importanza dell’opera di Guillén, considerata la più completa espressione delle più legittime e rivoluzionarie aspirazioni popolari della sua epoca, caratterizzata dal «cubaneo», il senso dell’ironia e la capacità di dire le verità senza rigirarla.

Guillén è stato un grande cubano molto camagüeyano, che ha difeso l’unità nazionale, proclamando che il colore cubano non lo danno le razze, ma la cultura.

Fondato il 14 luglio del 2004, il Museo delle Cere espone le figure dei patrioti cubani Carlos Manuel de Céspedes e José Martí.

Mostra inoltre i musicisti Benny Moré, Carlos Puebla, Compay Segundo, Sindo Garay, Bola de Nieve, Polo Montañés e Juan Formell; l’eccezionale pugile Teófilo Stevenson, l’attrice Rita Montaner; gli scrittori Ernest Hemingway e Gabriel García Márquez, e il giovane italiano Fabio di Celmo, vittima del terrorismo contra Cuba.

L’attività ha fatto parte del programma della XXII Festa della Cubania. ( Traduzione GM – Granma Int.)