ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Da sin a dx. Graziella Pogolotti, Aleida March e David Deutschmann. Photo: Romero, Rodolfo

“È difficile esprimersi con semplici parole, quando uno porta ben dentro, come un santuario, il più amato dei due uomini straordinari che mi hanno guidato per i misteriosi sentieri del sapere”, ha detto Aleida March a coloro che stavano assistendo alla presentazione del libro  *Che y Fidel. Imágenes en la memoria*, realizzata  venerdì 5 nella sala Villena dell’Unione degli  Scrittori e degli Artisti di Cuba (UNEAC).
La nuova edizione è frutto delle investigazioni del prestigioso Centro di Studi Che Guevara e della sua direttrice Aleida March, che ha detto anche che ogni fotografia del libro si riferisce ad un fatto o è un testimone singolare, molto complesso da spiegare in poche righe, perchè le fotografie da sole riproducono  l’unione indissolubile che vibrò tra Fidel e il Che: complicità e rispetto reciproco.
Due uomini con dimensioni straordinarie marcate sin dal Messico.
Dalle riflessioni di Fidel su quei primi contatti si apprezzano i giudizi di quel giovane un poco avventuriero che giunse attraverso Raúl, e che dal primo giorno di quell’incontro  rimase unito nella lotta.
“È difficile esprimersi con semplici parole, quando uno porta ben dentro, come un santuario, il più amato dei due uomini straordinari che mi hanno guidato per i misteriosi sentieri del sapere”, ha detto Aleida March a coloro che stavano assistendo alla presentazione del libro  *Che y Fidel. Imágenes en la memoria*, realizzata  venerdì 5 nella sala Villena dell’Unione degli  Scrittori e degli Artisti di Cuba (UNEAC).
“Questa edizione è una convocazione allo studio dell’opera di Fidel e del Che”, ha detto la dottoressa Graziella Pogolotti che ha scritto il prologo del libro.
“Le evocazioni non sono incamminate a guardare indietro, ma a vedere la realtà attuale e il futuro. Si tratta di due personalità unite nella realtà del continente americano”.
“Loro sono stati capaci di  dare forma con creatività  al pensiero e all’azione, di lottare per il presente senza rinunciare al disegno di strategie con vista al futuro, anche nelle più difficili circostanze”.
“Credevano, come José Martí, nel miglioramento umano e hanno fatto di quel proposito l’obiettivo centrale del grande compito nel quale hanno  impegnato le loro vite”.
“Oggi vediamo nuove forme di colonizzazione e per questo dobbiamo ripensare a nuove armi di lotta e resistenza”, ha segnalato Graziella Pogolotti ed ha aggiunto che questa spada intellettuale del Che e di Fidel è una luce e un pensiero che va contro la colonizzazione, per alimentare il nuovo pensiero  che il nostro tempo reclama”.
Ocean Sur è l’editrice del  libro *Che y Fidel. Imágenes en la memoria*.  
Il suo  direttore, David Deutschmann, ha commentato che questo materiale forma parte di 20 titoli pubblicati da questa editrice nei 15 anni del Progetto Che Guevara.  Il 90º compleanno di Fidel è una motivazione speciale per presentare quest’opera  che sottolinea l’amicizia e la lealtà tra due uomini eccezionali della storia di Cuba e del mondo. ( Traduzione GM – Granma Int.)