ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Dedicata alla Repubblica Orientale dell’Uruguay e agli scrittori cubani

Lina de Feria e Rogelio Martínez Furé, la Fiera del Libro 2016 è cominciata il 25 marzo a Villa Clara, come parte del suo percorso nel territorio nazionale.

Prevista nella regione centrale fino al 29 marzo, la Fiera s’incarica di diffondere il meglio della scrittura cubana universale così come di promuovere abitudini di lettura e sana ricreazione.

Arístides Vega Chapú, a capo del dipartimento di promozione del Centro

Provinciale del Libro (CPL), ha detto che questo che è il più grande successo culturale del paese, nella zona di Villa Clara costituisce una maniera di presentare la letteratura in un mondo dove la frivolezza ha riempito tutti gli spazi.

Presentazioni di testi , conversazioni con gli autori e omaggi a figure meritevoli dentro e fuori dalla provincia, fanno parte delle principali attrazioni, con la vendita dei volumi, il piatto forte della Fiera Susel García Mena, presidente del CPL, ha detto che quest’anno si destinerà uno spazio alle due case editrici della provincia: la *Capiro* e *Sed de Belleza*, dove gli scrittori potranno dedicare le loro opere al pubblico, dando dinamismo alle giornate letterarie.

Circa 30 titoli sono stati pubblicati da queste case editrici. Tra questi *El polvo y el oro*, de Julio Travieso, *Perro que Aúlla*, di Sergio García Zamora, e *Por mayoría simple*, antologia di poesie raccolta da Ricardo Riverón.

Susle García Mena ha aggiunto che si realizzerà un omaggio ai 50 anni dalla prima pubblicazione del romanzo di Miguel Barnet, *Biografia di un cimarrón*, con un giro per i luoghi di Villa Clara, dove si pensa che visse Esteban Montejo, protagonista dell’opera. (Traduzione GM – Granma Int.)