ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Da sinistra, l'ambasciatore Robustelli, Emerio Medina, Alberto Guerra, Marcial Gala, Davide Barilli, il traduttore Pier Luigi Mori e Cecilia Mutti.

Il giorno 15 febbraio nella Sala Alejo Carpentier della Forteza di San Carlos de la Cabaña, durante la XXV edizione della Fiera Internazionale del Libro, è stato presentato il volume "Gli amanti del secondo piano", un'antologia edita dall'italiana Nuova Berti editrice che comprende sei racconti degli scrittori cubani Alberto Guerra, presidente sezione narratori della UNEAC, Emerio Medina e Marcial Gala. Invitati dall'Istituto Cubano del Libro, con l'auspicio dell'ambasciata d'Italia, lo scrittore Davide Barilli, curatore del volume, l'editore Cecilia Mutti, gli scrittori Alberto Guerra, Marcial Gala e Emerio Medina, a cui e' stato assegnato quest'anno il premio Alejo Carpentier, con il traduttore Pier Luigi Mori, hanno presentato il volume che contiene i racconti di tre fra i più importanti scrittori cubani di oggi.

Il libro fa parte della collana “Narratori contemporanei” della giovane casa editrice del parmense, specializzata nel proporre titoli controcorrente della narrativa mondiale, spaziando dalla Haiti di Émile Ollivier al’Israele di Ayelet Tsabari, fino alla Guinea di Tierno Monénembo (pseudonimo di Thierno Saïdou Diallo) uno scrittore guineano francofono, vincitore del premio Renaudot nel 2008.

Con ''Gli amanti del secondo piano'' (scrive Barilli nella prefazione) si vuole presentare una letteratura vista dal di dentro: ''Guerra, Gala e Medina non battono le strade della contemporaneità né da un punto di vista stilistico, né attraverso le facili seduzioni del pittoresco tipiche di certa letteratura tropicale da esportazione. Attraverso le loro storie, diseguali per tematiche e ambientazioni, ma accomunate dalla medesima urgenza, entriamo in una Cuba raccontata nella sua dimensione più autentica. È la Cuba privata, che uno straniero difficilmente può conoscere. Quella vissuta dai cubani, con i suoi riti e modi di essere, molto diversi dai nostri, e fotografati da uno sguardo che ne inquadra dettagli e doppifondi: storie spigolose che sprofondano in antiche abitudini, capaci di trasformarsi in risata abnorme o magiche epifanie''. All'evento erano presenti l'ambasciatore italiano dottor Carmine Robustelli e il Consigliere d'ambasciata Tancredi Francese. Il giorno successivo il libro e' stato presentato alla Casa Garibaldi, ex Union Latina, attuale sede del comitato avanero della Società Dante Alighieri, diretta da Maurizio Capuano.