ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Il presidente dell’Unione degli Scrittori e Artisti di Cuba (Uneac), Miguel Barnet, ha segnalato l’enorme trascendenza di quello storico intervento realizzato dal leader della Rivoluzione nella Biblioteca Nazionale, il 30 giugno del 1961, noto come “Parole di Fidel agli intellettuali”.

A 54 anni da quel memorabile discorso, Barnet ha ricordato che nel contesto in cui s’incontrava, fomentando progetti di grande importanza, come la Riforma Agraria, ed affrontando le prime aggressioni dell’imperialismo nordamericano, Fidel seppe dare la massima priorità al tema della cultura.

“Le sue parole furono così chiare, di una trasparenza e una gagliardia che mi richiamarono l’attenzione, perchè scopersi che era un altro stile, che andava alla radice delle cose, senza ricami, e ovviamente ai principi e alle necessità di fare un cambio radicale nella struttura del potere nella nostra società”, ha detto Barnet che era il più giovane dei partecipanti a quell’incontro.

Il presidente della UNEAC ha ricordato che per pubblicare un libro, nel capitalismo uno scrittore doveva usare il proprio denaro o cercare i fondi qui e là, facendo concessioni.

“Tutto questo è cambiato con la Rivoluzione e sono sorti l’ICAIC, le Case di Cultura, il movimento degli artisti dilettanti e un progetto bellissimo come gli istruttori d’arte.

Oggi abbiamo tante figure, tanti grandi artisti che non avrebbero mai avuto la possibilità di svilupparsi, com’è accaduto a partire da quelle parole agli intellettuali e dall’idea del Comandante di democratizzare la cultura e stimolare la ricerca di nuovi valori nei luoghi più remoti dell’Isola”, ha aggiunto Barnet durante una riunione di lavoro della presidenza della UNEAC, con la partecipazione del Ministro di Cultura Julián González e dell’assessore del Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Abel Prieto.

Nella giornata sono stati presentati i nuovi statuti e i regolamenti della UNEAC, ed è stata aperta ufficialmente la convocazione per nuovi ingressi nell’organizzazione.

Inoltre è stato controllato il bilancio degli accordi del VIII Congresso relazionati alle istituzioni appartenenti al Ministero della Cultura. (Traduzione GM – Granma Int.)