ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Un rapporto del Banco Mondiale pone Cuba al primo posto per gli investimenti nel sistema educativo del periodo 2009-2013.

Il rapporto recentissimo aggiunge che con circa il 12,9% del Prodotto Interno Lordo (PIL) investito in questo settore, non c’è un altro paese del mondo, neppure tra i più sviluppati, che sia alla pari con l'isola. Timor Leste e la Danimarca guidano la lista mondiale, con l'11,3% e l'8,7% del PIL, rispettivamente, dedicato all'educazione.

Il documento informa che gli Stati Uniti spendono solo il 5,4%, due volte meno di Cuba, ed il Canada il 5,5%.

In Europa, la Francia spende il 5,9% del suo bilancio nazionale nell'educazione, la Germania il 5,1%, il Regno Unito il 6,2% , l’Italia il 4,5% e la Spagna il 5%.

Per quanto riguarda l'America Latina, il rapporto rileva che la Bolivia è al secondo posto dietro Cuba, con il 7,6%, il Brasile assegna il 5,8% del suo PIL a questo settore, mentre il Messico e l'Argentina, rispettivamente assegnano il 5, 2% ed il 5,8%.

Non è la prima volta che il Banco Mondiale elogia Cuba in questo settore. In un altro rapporto pubblicato nel 2014, l'organismo internazionale ricordava che l'Isola ha il sistema d’istruzione migliore dell’America Latina e dei Caraibi.

L'educazione come la sanità, la cultura e lo sport, sono sempre aree prioritarie in Cuba, sottolinea la relazione.

Con la constatazione che i risultati in questo campo sono eccezionali, il rapporto ricorda anche che l'Isola ha un tasso d’alfabetizzazione del 99,8%. (Traduzione GM – Granma Int.)