ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Dibattiti ANPP. Photo: Estudios Revolución

« Il dibattito che oggi si realizza in materia d’informatizzazione della società cubana è distinto, perchè si apprezza una maggiore conoscenza del tema da parte di tutti», ha detto Miguel Díaz-Canel Bermúdez, Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, durante le analisi della commissione d’Attenzione ai Servizi nel suo secondo giorno di lavoro prima del terzo periodo ordinario di sessioni dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare.

Poi ha insistito che l’informatizzazione è saper distinguere i processi, appoggiarli con piattaforme digitali e istituzionalizzarli con integrità nei «Non è solo creare siti web e reti sociali, ma saper distinguere quale processo dobbiamo informatizzare».

«Durante gli ultimi tre anni, ha aggiunto, abbiamo consolidato nel paese un gruppo di spazi che sono serviti come una guida dove uno deve gestire e sviluppare i contenuti.

.Nonostante questo «non ha senso percorrere lo stesso cammino di quelli già creati, ma al contrario si condivide e si dedicano sforzi per cercare innovazioni in altri ambiti per poi lavorare tra tutti al loro perfezionamento», ha indicato.

Díaz-Canel ha segnalato che quando si parla di gestione si deve anche includere la preparazione con tutti i processi, perchè solo in questa maniera si potranno consolidare i passi avanti in questi temi.

Nel caso del governo elettronico – ha detto il Presidente– la presenza, la prima tappa stabilita per il suo sviluppo è stata realizzata, mentre la seconda, l’interattività, comincia a marciare ora.

Ha poi avvisato che non si può essere conformisti se si devono attualizzare i contenuti con una certa periodicità e in questo senso ha insistito sull’importanza dell’interazione reale dei dirigenti con il popolo attraverso queste piattaforme.  

Il mandatario ha fatto l’esempio di un’esperienza vissuta nel fine settimana nelle reti sociali, quando sono stati uditi commenti che contraddicevano le misure che il Governo sta applicando.

«Immediatamente due ministri e varie persone hanno dimostrato la mancanza di verità di quei rumori. Quando si agisce con responsabilità sociale, s’informa a tempo e si danno le verità con trasparenza, come Governo abbiamo forza», ha sostenuto.

A proposito dello sviluppo di soluzioni nazionali, il mandatario ha fatto riferimento a differenti applicazioni create dall’Università delle Scienze Informatiche (UCI), come Todus, Picta e Apklis, che ha catalogato come soluzioni robuste al di sopra di altre che si usano e non offrono sovranità tecnologica.

Ugualmente ha anticipato che sono già state create le alleanze necessarie per migliorare il sistema interattivo Nova, rendendolo compatibile con Android, in maniera che si possa cominciare a usare dai cellulari.

Nello sviluppo delle applicazioni anche altre entità come Xetid hanno fomentato l’implementazione nei portali cittadini per la presa delle decisioni da parte delle autorità del governo territoriale.

Díaz-Canel ha fatto commenti sui pannelli di comando per controllate in tempo reale i processi produttivi e sul monitor delle buone pratiche, quest’ultimo con l’impulso della UCI, che è stato usato nella maggioranza dei siti nazionali per migliorare il tempo d’accesso e di risposta tra gli altri strumenti.

Il commercio elettronico, in cambio, è un tema che dobbiamo continuare a stimolare.

Il Presidente ha suggerito un’analisi su come incorporare le monete elettroniche e i pagamenti mediante passerelle elettroniche e i cellulari.

Nel caso dell’informatizzazione dei registri dei consumatori, ha esortato l’Unione degli Informatici di Cuba ad aiutare nell’appoggio allo sforzo territoriale per la sua implementazione.

«Dobbiamo pensare qual’è il paese informatizzato che vogliamo, le facilità che offre e come coinvolgerci tutti in questa politica», ha concluso. ( GM – Granma Int.)