ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
L’incontro avviene nel mezzo di un panorama d’ostilità crescenti dell’impero, che non ci ferma però nei nostri desideri di programmi d’educazione e sviluppo del paese, ha detto Díaz-Canel . Photo: Estudio Revolución

Il Presidente dei  Consigli di Stato e dei  Ministri, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha partecipato la mattina di ieri, giovedì 4, alla XLIII Assemblea Generale Ordinaria dell’Organizzazione Centroamericana e dei Caraibi delle Entità Fiscali  Superiori (Occefs), che oggi terminerà le sessioni nel famoso  Hotel Nacional della capitale cubana, si legge nel sito della Presidenza della Repubblica.
Delegazioni di Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panama, Perù e República Dominicana partecipano all’incontro presieduto da  Nelson Shack Yalta, controllore generale della Repubblica del Perù, nella sua qualità di Presidente della Olaccefs, che comprende le Entità Fiscali Superiori di tutta la regione latinoamericana e caraibica.
Il Presidente cubano ha assicurato il totale appoggio del popolo e del Governo per uno svolgimento di successo dell’evento che, ha detto «Ha molto a che vedere con la vocazione del nostro Governo d’appoggiare i processi che ci aiutano ad essere più trasparenti nella gestione del Governo di fronte al popolo e che ci permettono d’occuparci in maniera integrale della disfunzionalità governativa, evitando mali come il flagello della corruzione».
Il mandatario ha precisato che «nella misura in cui possiamo abbordare questa problematica tra tutti, come ci siamo uniti in altre lotte, staremo apportando, staremo apprendendo ed anche staremo comprendendo queste esperienze».
L’incontro avviene nel mezzo di un panorama d’ostilità crescenti dell’impero, «che non ci ferma però nei nostri desideri di programmi d’educazione e sviluppo del paese», ha detto Díaz-Canel, ratificando che vogliamo che tutti questi processi si realizzino  con la maggior trasparenza del Governo e con la maggior qualità dal punto di vista dell’efficienza della gestione pubblica, amministrativa e delle imprese.

Le indicazioni del presidente cubano

Nelle visite di Governo alle province, il Presidente ha insistito sempre che si deve lavorare con più trasparenza e partecipazione della popolazione, perchè questo accresce la fiducia nella gestione governativa.
Nei bilanci degli Organismi dell’Amministrazione Centrale dello Stato ha precisato l’importanza che ha per la Rivoluzione la battaglia etica permanente contro la corruzione e le illegalità e in particolare  si è riferito allo scontro con possibili manifestazioni di lavaggio del denaro, affari illeciti, ricatto, relazioni indebite con clienti nazionali e stranieri, il settore non statale, la falsificazione dei documenti e la malversazione.
«Ci proponiamo di sviluppare una gestione di Governo con un’amministrazione pubblica e imprenditoriale più efficiente, con meno problemi e burocrazia, con maggiori trasparenza e partecipazione», ha affermato nella chiusura della Terza Sessione Straordinaria della IX Legislatura dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare.( GM – Granma Int.)