ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Tornano i medici dal Brasile Photo: Ricardo López Hevia

Il settimo volo della Cubana de Aviación proveniente dal Brasile, che ha portato di ritorno in Patria i medici che hanno partecipato alla missione collaborativa nel paese amazzonico, è arrivato lunedì 26 al Terminal 3 dell’Aeroporto
Internazionale José Martí de L’Avana.
I 204 medici provenienti da Sao Paulo sono stati ricevuti da Mercedes
López Acea, membro del Burò Politico del Comitato Centrale del Partito e
dalla Dottoressa Regla Angulo Pardo, viceministro di Salute Pubblica, tra i vari
funzionari.  
Con l’arrivo del  CU-2353 sono già quasi 1500 i medici che sono tornati con l’orgoglio del dovere compiuto dopo la decisione del presidente eletto del Brasile,  Jair Bolsonaro di cambiare i termini del contratto con il quale Cuba partecipava al programma Más Médicos per il Brasile.
A nome dei suoi compagni, il Dottor Lázaro Ernesto Díaz Acosta ha parlato del significato del programma, sia per il popolo brasiliano che per i collaboratori  cubani. «Molti siamo giunti in Brasile alla metà del 2017 con grandi desideri, aspettative e ansia d’aiutare un popolo che manca di risorse economiche. I primi medici con i quali hanno avuto contatto sono stati i cubani.  Con noi non solo hanno trovato professionisti eccellenti e qualità, ma anche l’umiltà e la fiducia che caratterizzano i cubani», ha segnalato.
Poi ha aggiunto che con l’orgoglio e la soddisfazione del dovere realizzato, i collaboratori cubani ratificano ancora una volta l’impegno di servire la Patria nel luogo in cui è necessario.
La viceministro di salute ha segnalato che  professionisti della salute ritornano con tutta la dignità, l’impegno e la dedizione alla nostra Rivoluzione.
«Voi rappresentate il disinteresse, lo spirito di solidarietà e la coscienza internazionalista», ha commentato.

Photo: Ricardo López Hevia
Photo: Ricardo López Hevia
Photo: Ricardo López Hevia
Photo: Ricardo López Hevia
Photo: Ricardo López Hevia