ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Dunia Álvarez Palacios

La pioggia non ha impedito che gli studenti marciassero per onorare quelli che significano l’esempio.
Ieri martedì 27 novembre si sono compiuti 147 anni dalla fucilazione degli otto studenti di medicina e per questo calle San Lázaro si è vestita di gioventù eterna: una folla d studenti universitari, alunni dei licei e della Scuola  
Latinoamericana di Medicina, con membri della  Segreteria Nazionale dell’Unione dei Giovani Comunisti  (UJC) hanno marciato dalla Collina  Universitaria sino alla spianata della Punta.
Hanno aperto il corteo sei bandiere cubane giganti portate dagli studenti di medicina .
Raúl Alejandro Palmero Fernández, presidente della FEU, ha sottolineato l’impegno della Rivoluzione con il sistema di salute cubano.
«Siamo in presenza di una gioventù che si sta formando nelle nostre scuole con l’unico obiettivo di salvare vite, con i concetti di solidarietà e di dedizione», ha affermato.
«I nostri medici oltre che rivoluzionari sono ben preparati ed hanno l’umanismo di Fidel che scorre nelle loro vene».
«Credo che questa manifestazione si stia sviluppando in un contesto in cui tutti i giorni è necessario che i giovani dimostrino questo spirito altruista contro l’imperialismo, ha segnalato Susely Morfa González, prima segretaria del Comitato Nazionale della UJC. ( GM – Granma Int.)

Photo: Dunia Álvarez Palacios
Photo: Dunia Álvarez Palacios
Photo: Dunia Álvarez Palacios
Photo: Dunia Álvarez Palacios
Photo: Dunia Álvarez Palacios
Photo: Dunia Álvarez Palacios
Photo: Dunia Álvarez Palacios
Photo: Dunia Álvarez Palacios
Photo: Dunia Álvarez Palacios