ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Roberto López Hernández, viceministro cubano del Commercio Estero e l’Investimento Straniero, ha affermato che nonostante i limiti e la difficile situazione economica di Venezuela e Cuba, si possono catalogare come soddisfacenti i passi avanti  nell’esecuzione dei progetti del 2018 previsti nell’Accordo Integrale di Cooperazione tra le due nazioni.
Il presidente per la parte cubana della segreteria tecnica dell’Accordo, che siè riunita a Caracas  dal 20 al 23 novembre, ha segnalato che anche se alcuni programmi hanno avuto  difficoltà per disporre dei finanziamenti nel tempo previsto, la maggioranza e i più significativi si stanno realizzando a livelli soddisfacenti e questo risponde alla priorità che danno i governi per eseguire azioni di collaborazione, in funzione d’assistere il popolo venezuelano in sfere come la salute.
«Inoltre facciamo le previsioni per il 2019 ; la situazione è sempre difficile, ma cerchiamo d’adeguare i programmi per quest’anno alla realtà, alle possibilità obiettive di Cuba e Venezuela. Di fatto possiamo  assicurare che i servizi di salute e il rifornimento di medicinali costituiranno il centro del maggior numero di progetti e di collaboratori cubani in questo paese», ha dichiarato.
L’alto funzionario cubano ha considerato che si giungerà alla riunione tra i governi L’Avana - Caracas, nel dicembre, con tutto il programma di progetti ben pianificati  e i livelli dei finanziamenti considerati per la loro esecuzione.
«Sono state buone sessioni di lavoro qui, buone riunioni, e con quanto abbiamo realizzato in questo trimestre, abbiamo anche sostenuto incontri con autorità del Governo venezuelano per rinforzare gli elementi trattati», ha aggiunto.
La sessione dello scorso mercoledì 14 è stata centrata sui decisivi programmi di assistenza medica, la somministrazione di medicinali e la formazione del capitale umano da Cuba al Venezuela.
È stato indicato che nel mezzo di severi ostacoli finanziari ed economici, la collaborazione bilaterale ha permesso che solo negli ultimi due anni, 10.924 pazienti venezuelani di Oncologia hanno ricevuto benefici con studi dell’ esigente medicina nucleare.
Un altro programma solidale è quello del Buen Vivere del Paziente Diabetico,con cui sono stati assistiti nel  2018, 11.000 figli di questa  terra e, grazie  al prodotto leader cubano, il Heberprot-P, meno del 1 % di loro  ha sofferto un’amputazione.
In termini storici, il Venezuela è, con 203.000 pazienti trattati, il paese del mondo con più persone  assistite con questa novità scientifica.
Il totale degli amputati non giunge al  3 % dei  casi trattati con il Medicinale.
I rappresentanti di otto ministeri di Cuba e dell’ufficio economico della sua ambasciata qui, e di dieci cartelle del Governo Bolivariano hanno partecipato alla 18ª Riunione trimestrale di seguimento dell’Accordo  Integrale di Cooperazione bilaterale, nel salone Simón Bolívar, della Cancelleria, con la conduzione inoltre del presidente anfitrione: Ramón Gordils Montes, viceministro di Cooperazione Economica del Ministero delle Relazioni Estere del Venezuela, e del capo dell’Ufficio d’Attenzione alle Missioni dell’Isola qui, Julio César García Rodríguez. ( GM – Granma Int.)