ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Partecipano alla FIHAV tutti i settori dell ‘economia cubana Photo: Ricardo López Hevia

Da circa trent’anni, ininterrottamente la Fiera Internazionale de L’Avana si conferma come spazio fertile per lo scambio, le opportunità degli affari, i vincoli commerciali e l’esplorazione di nuovi mercati.
La sua nuova edizione la prossima settimana non sarà un’eccezione: è stata confermata la presenza di più di 60 nazioni.
Rodrigo Malmierca, titolare del Commercio Estero e l’Investimento Straniero (Mincex), ha assicurato che nel momento in cui l’amministrazione  di Donald Trump rinforza l’assedio unilaterale con misure che ostacolano
le relazioni tra i due paesi, la FIHAV 2018  «riflette che il mondo sta con Cuba nonostante il rafforzamento del blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti».
La fiera, dal 29 ottobre al 2 novembre, accoglierà nello spazio fieristico di  Expocuba almeno 2500 imprenditori stranieri, circa 30 Camere e istituzioni promotrici del commercio, 20 delegazioni ufficiali di alto livello e numerosi gruppi «cartella in mano».
Abraham Maciques, direttore generale del Gruppo delle Imprese Palco,  ha detto che i 25 padiglioni affittati da paesi stranieri in un’area di circa  25 000 metri  sono montati al completo.
Nel  padiglione centrale di  Expocuba, com’è tradizione, si mostreranno i beni e i servizi nazionali e saranno rappresentati tutti i settori economici.
Orlando Hernández Guillén, presidente della Camera di Commercio dell’Isola, ha informato che parteciparanno 350 imprese nazionali distribuite in 5000 metri quadrati.
In questa edizione all’entrata dell’ installazione, ci sarà uno stand dedicato al 500 anniversario de L’Avana, città che riceverà omaggi per tutta la fiera.
Luis Carlos Góngora, presidente del Consiglio dell’Amministrazione Provinciale, ha affermato che nell’ambito dell’incontro si faranno conoscere le strategie della città per celebrare il suo mezzo millennio dalla fondazione.
Rodrigo Malmierca ha detto a proposito della partecipazione di firme degli Stati Uniti, che ci sarà lo stesso numero dell’edizione precedente, quando 16 compagnie di questo paese avevano riservato 250 metri quadrati  nell’area d’esposizione. Tra queste firme, la recentemente creata impresa mista con sede nella Zona Speciale di Sviluppo Mariel   (ZEDM) per la produzione di vaccini terapeutici contro il cancro.
La realizzazione del secondo  Forum delle Imprese Russia – America Latina e  Caraibi, forma parte dell’ampio programma previsto. S’include nell’agenda la realizzazione del Forum degli Investimenti che contribuirà ad avvicinare gli imprenditori stranieri alle controparti cubane con l’obiettivo di facilitare e rendere più agili i processi degli affari.  Come parte dello scambio, i dirigenti della ZEDM esporranno i passi avanti di quest’area strategica ubicata a 45 Km. da L’Avana.
Ugualmente, si presenterà la nuova cartella di opportunità d’affari con capitale straniero, considerata l’elemento essenziale nella strategia di sviluppo socio economico del paese. L’anno scorso in questo stesso scenario, Cuba aveva presentato 456 progetti per un ammontare di capitali di circa 10.700 milioni di dollari.
Venezuela, Cina e Russia, importanti soci commerciali di Cuba, ripeteranno l’abituale presenza mentre la Spagna è sempre il paese più rappresentato.
Nonostante il blocco, la FIHAV 2018 continua a rinforzarsi come una delle borse commerciali più importanti dell’America Latina e dei Caraibi.  
L’incontro contribuisce ogni anno a fomentare gli obiettivi tracciati in materia di politica economica esterna, differenziare i vincoli con l’estero e ampliare il cammino di Cuba per gli Affari. ( GM – Granma Int.)