ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

I risultati di recenti investigazioni realizzate nel letto marino di Cuba, presentate da scienziati e istituzioni, lo scambio di conoscenze e la firma di future opportunità  apporteranno benefici  all’economia e agli ecosistemi marini, e risaltano tra le proposte del XI Congresso di Scienze del Mare, MarCuba 2018, che si realizzerà nel Palazzo delle Convenzioni a L’Avana, da 15 al 19 ottobre.
Presieduto in questa occasione dell’Acquario Nazionale di Cuba, il Congresso risalterà l’importanza del lavoro degli acquari per il mantenimento della biodiversità degli ecosistemi marini e costieri, con il lemma «Le scienze di oggi per il mare e le coste del futuro», come si è conosciuto nella conferenza stampa offerta dal comitato organizzatore.
Parteciparanno all’evento l’Agenzia dell’Ambiente, l’Acquario Nazionale di Cuba, la fondazione Antonio Núñez Jiménez della Natura e l’Uomo, il progetto culturale comunitario Cubanos en la Red, tra i tanti.
Questo spazio aprirà molte porte per ottenere una maggior visibilità del lavoro delle istituzioni partecipanti, è stato sottolineato.
La Dra. Maritza García García, presidente dell’Agenzia dell’Ambiente del Citma, ha indicato i limiti che implica l’imposizione del blocco allo sviluppo delle scienze.
«Gli scienziati continuano a rompere il blocco», ha aggiunto.
I partecipanti in questa occasione porteranno i loro lavori in diverse modalità : esposizioni, posters, conferenze tematiche, dibattiti, conferenze magistrali. Inoltre si presenteranno libri e proiezioni di documentari (GM – Granma Int.)