ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Canel ha conversato con vari pescatori che preparavano le barche per andare a pescare dopo diversi giorni senza poterlo fare. Photo: Estudio Revolución

Il Presidente cubano Miguel Díaz-Canel Bermúdez, la mattina di ieri, giovedì 11, è giunto sino al municipio di Batabanò nella provincia de Mayabeque, per valutare i danni provocati dal passaggio dell’uragano  Michael, visita che, a suo criterio, è stata opportuna per analizzare la soluzione a vecchi problemi del territorio.
Il percorso è cominciato al Terminale del porto, d’enorme importanza per l’economia, che necessita investimenti per migliorare il suo funzionamento e con lui gli indici di carico e scarico delle merci.
Díaz-Canel ha considerato pertinente valutare le esperienze poste in pratica nei porti di Santiago de Cuba e di Mariel, che possono essere utili per Batabanó.
All’uscita della rada si è interessato alle condizioni del Terminal dei Passeggeri e ha chiesto a diverse persone dell’orario delle partenze dei catamarani con destinazione all’isola della Gioventù e delle attenzioni offerte in questo luogo.
Precedentemente, in un incontro con le autorità del territorio, il mandatario aveva espresso commenti sulle possibilità di migliorare  l’ambiente del terminal, con un disegno più bello, funzionale e sostenibile.
In una delle strade del consiglio popolare di Surgidero di Batabanó, che presenta ancora i danni dell’inondazione provocata dall’uragano Michael,
Díaz-Canel ha conversato con gli abitanti che si erano riuniti al suo passaggio, sui problema del drenaggio del territorio che provoca di fronte a qualsiasi evento del clima un accumulo di acqua, e ci vogliono diversi giorni per far scendere il livello; ha insistito sulla necessità che la popolazione comprenda che non si possono costruire case vicino alla costa e dei piani per cambiare l’immagine del municipio.
Una vicina che ha ricevuto un sussidio per costruire la sua casa, ha commentato al Presidente le sue vicissitudini per poter comprare i materiali per la costruzione perché, ha sostenuto, li accaparrano i rivenditori.
Immediatamente Díaz-Canel ha indicato di dare una risposta a questo problema perchè non si può permettere, ha detto, che le azioni che lo Stato realizza  a beneficio dei più necessitati terminino favorendo quei pochi senza scrupoli.
La visita è continuata nella Empresa Pesquera Industrial Camilo Cienfuegos, dove ha parlato con vari pescatori che preparavano le imbarcazioni per andare  a pescare dopo diversi giorni in cui è stato impossibile farlo per via delle condizioni del tempo.
Ha visitato tutte le istallazioni dell’industria che elabora le specie marine.
L’itinerario del Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri ha compreso la Empresa de Muebles Signo, dove oltre a visitare i laboratori, si è riunito con le autorità del Partito e del Governo della provincia di  Mayabeque e
del municipio di Batabanó.
Hanno partecipato all’incontro anche il primo vicepresidente dei  Consigli di Stato e dei Ministri, Salvador Valdés Mesa, vari ministri e viceministri.
La prima segretaria del Partito nella provincia, Yanina de la Nuez Aclich, ha informato sui lavori realizzati nel territorio per affrontare positivamente la situazione climatica provocata dall’uragano Michael ed ha precisato che i problemi maggiori si sono avuti a Batabanó per la penetrazione del mare. Nella  provincia, ha informato, sono state evacuate 13 persone quasi tutte in case di familiari e sono stati constatati i crolli di tre case.
In maniera particolare, è stata valutata la situazione in cui vivono gli abitanti di   Surgidero di Batabanó per le frequenti penetrazioni del mare,  prodotte non solo da fenomeni  così importanti come gli uragani.
Il Presidente cubano ha definito immediata e decisiva la risposta che va data al tema del drenaggio nel municipio, perché«dobbiamo metterci nei panni degli abitanti e affrontare il problema con sensibilità», ed ha incitato ad usare  nuove tecnologie per migliorare le strade del municipio, come l’adocreto, un materiale economico d’alta resistenza e rapida installazione, a migliorare i servizi che si offrono e fare tutto con buon gusto e soprattutto coinvolgere gli abitanti nello sforzo per migliorare l’ambiente in cui vivono(GM - Granma Int.)