Il nocivo impatto della polvere del Sahara su Caraibi › Cuba › Granma - Organo ufficiale del PCC
ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

L’arrivo ogni anno nella regione dei Caraibi di una grande quantità di polvere immersa in nuvole generate dalle tormente di sabbia del deserto del Sahara danneggia gli ecosistemi terrestri e marini, la salute dell’uomo e degli animali e le condizioni del tempo.

Il dottore in Scienze Fisiche Eugenio Mojena, specialista del Centro dei Pronostici dell’Istituto di Meteorologia, lo ha spiegato durante la realizzazione del Seminario sull’Inquinamento Atmosferico Contat 2018, auspicato dal Centro degli Studi sull’Inquinamento e la chimica atmosferica della citata entità, che è durato tre giorni nella sede della Società Meteorologica di Cuba.

Come ha detto il dottor Mojena, tra i danni provocati dall’influenza della polvere del Sahara sull’ambiente caraibico, ci sono la caduta delle scogliere di coralli, il deterioramento della qualità dell’aria, l’aumento di persone con l’asma bronchiale (per esempio nell’Isola di Barbados il numero di chi soffre per questa malattia è cresciuto di 17 volte dal decennio degli anni ’70 del secolo scorso), la riduzione delle precipitazioni nella tappa estiva e perdite nei raccolti di frutta, riso, canna da zucchero, fagioli e altre coltivazioni.

Nel caso particolare di Cuba, l’esperto ha sostenuto che un progetto investigativo sviluppato dal Centro Meteorologico Provinciale di Pinar del Río, in collaborazione con istituzioni d salute di questa provincia occidentale ha rilevato picchi massimi di asma nei mesi estivi che coincidono con la maggior presenza di povere del Sahara nel nostro paese (giugno e luglio).

Inoltre in varie zone dell’arcipelago cubano è stato rilevato un incremento della frequenza delle tormente elettriche accompagnate da una minore quantità di pioggia.

Il dottor Mojena ha aggiunto che in maniera generale tutte le province soffrono per gli effetti nocivi della polvere che proviene dal deserto del Sahara che, oltre a ferro, silice e altri minerali, contiene elementi organici inquinanti persistenti, funghi, batteri, virus e diversi acari patogeni che possono provocare malattie respiratorie acute, allergie e problemi della pelle. ( GM – Granma Int.)