Machado Ventura ha presieduto l’8º Incontro Nazionale dei produttori di frutta › Cuba › Granma - Organo ufficiale del PCC
ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
In questo Incontro Nazionale sono stati citati i territori produttori e le cooperative migliori in questa attività nel 2017. Photo: Periódico Sierra Maestra

Il membro del Burò Politico José Ramón Machado Ventura, secondo segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba (PCC),
ha presieduto la sessione di chiusura del 8º Incontro Nazionale delle Cooperative del Movimento dei Frutteti, realizzato da giovedì 26 a Santiago di Cuba,  ha riportato il settimanale  Sierra Maestra.
Nella riunione guidata anche dai membri del Comitato Centrale Lázaro Expósito Canto, primo segretario del Partito a Santiago di Cuba; Beatriz Johnson Urrutia, vicepresidente del Consigio di Stato e presidente dell’Assemblea provinciale del Potere Popolare e Rafael Santiesteban, presidente dell’Associazione  Nazionale dei  Piccoli Agricoltori (ANAP), sono stati citati i territori produttori e le cooperative migliori in questa attività durante l’anno scorso.

Durante l’incontro sono state analizzate accuratamente le domande della popolazione e delle differenti destinazioni di questo settore alimentare. Photo: Periódico Sierra Maestra

Caratterizzato da un ampio dibatto riflessioni e scambi d’esperienze, durante l’incontro è stato valutato il comportamento del Programma di Sviluuppo dei Frutteti in Cuba, con le prospettive di lavoro per continuare ad avanzare in questo importante compito.
Hanno partecipato 400 delegati del paese in rappresentazione delle 353 strutture produttive.
Inoltre è stato indicato che non si riesce ancora a soddisfare le domande della popolazione e delle differenti destinazioni di questo settore alimentare che durante l’anno scorso ha ottenuto una produzione di  102.000 tonnellate  di frutta, cifra che rappresenta il 105% del preventivo, mentre quest’anno si prevede una produzione di 119 637 tonnellate con una crescita del 17% rispetto alla tappa precedente.
Il piano di semina del 2018 include la piantagione di 6 373 ettari di specie e in particolare  mango, guayaba, aguacate, cocco, mamey e papaya, ma si fomenta anche la produzione di anón, guanábana, acerola, nispero e ciruela.
La realizzazione dei piani di vendita al turismo, l’applicazione della scienza e la tecnica, l’incremento dell’utilizzo dei bioplaghicidi,  biofertilizzanti e microrganismi efficienti, così come fomentare la cultura per una produzione organica delle strutture produttive, sono stati temi ampiamente dibattuti nella riunione generale che si è pronunciata inoltre per ampliamento della gamma dei prodotti agricoli processati per l’esportazione.
Riassumendo l’attività, Gustavo Rodríguez, Ministro dell’Agricoltura, ha segnalato l’importante ruolo del Movimento, che ha il compito davanti a sé di contribuire all’alimentazione della popolazione e realizzare apporti sostanziali  all’economia del paese.
Ugualmente ha segnalato  l’inizio dei programmi di sviluppo a livello  territoriale  costituisce una sfida per la sua integrazione nello studio di fattibilità per lo sviluppo dei frutteti e per continuare la promozione e la ricerca di metodi sicuri  per consolidare la geoecologia nel Movimento dei Frutteti nel paese.
I delegati all’incontro. come parte del programma di lavoro hanno visitato le fattorie dei frutteti ed hanno scambiato esperienze sul terreno, calcolando le pratiche di produzione con i cooperanti dei municipi  di Contramaestre e Terzo Fronte,  nella provincia di Santiago di Cuba, e a Jiguaní e Bayamo, in Granma.
Poi hanno reso omaggio, nel Cimitero patrimoniale Santa Ifigenia, al Leader storico della Rivoluzione Fidel Castro Ruz, all’Eroe Nazional José Martí, al Padre della Patria Carlos Manuel de Céspedes e alla Madre della Patria Mariana Grajales Cuello. (GM – Granma Int.)