ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Nella EMI Granma, Raúl e gli altri dirigente hanno ricevuto informazioni sui programmi d’investigazione che si realizzano per la Marina da Guerra Rivoluzionaria. Photo: Estudio Revolución

Il Generale d’Esercito Raúl Castro Ruz ha visitato tre imprese militari industriali a L’Avana come parte di un’agenda di lavoro che ha intrapreso da diversi giorni, che lo ha portato precedentemente a Camagüey, Santiago di Cuba e Mayabeque.
L’agenda di lavoro nella  capitale è iniziata nell’Impresa Militare Industriale Granma,  che si dedica alla fabbricazione, riparazione, modernizzazione e commercio di mezzi navali, e altre produzioni destinate  all’economia nazionale, tra le quali oggetti per la cucina, porte metalliche e mattonelle di marmo .
Nel  Centro delle Investigazioni e Sviluppo Navale dell’impresa, Raúl ha ricevuto una dettagliata spiegazione sui programmi d’investigazione che si realizzano per la Marina da Guerra Rivoluzionaria.
In un dialogo con gli investigatori, alcuni di loro giovani laureati con il   «titolo d’oro» nelle loro specialità e altri con molti anni d’esperienza , ha segnalato la necessità di continuare a mettere la scienza in funzione dello sviluppo del paese ed ha considerato stimolante quello che si fa ogni giorno nell’istituzione.
Poi ha percorso vari laboratori dove ha apprezzato il lavoro che si esegue per esempio nella modernizzazione delle navi, la costruzione di moli galleggianti , la riparazione di motori elettrici, la fabbricazione di porte metalliche e oggetti per la casa,  come pentole, padelle e casseruole in alluminio.
Il secondo punto della visita è stato l’Impresa Militare Industriale Grito de Baire, dove si ottengono prodotti d’alto livello aggregato vincolati alla difesa del paese e altri di grande domanda, destinati all’economia nazionale.
Il Generale d’Esercito è stato informato sulle produzioni relazionate all’ elettronica e le comunicazioni.
Inoltre ha conosciuto le altre linee, più vincolate alla popolazione, come quella degli strumenti medici e dei prodotti per l’igiene e la pulizia dove si realizzano nuovi investimenti per aumentare significativamente la sua produzione annuale.
Al termine del percorso delle sue officine, Raúl ha segnalato un messaggio che ha scritto per i lavoratori dell’impresa, segnalando  «la costanza e la volontà invidiabile con cui realizzano il loro lavoro».
Finalmente, el Presidente cubano ha raggiunto  l’Impresa Militare Industriale Emilio Bárcenas Pier, nella quale si riparano e modernizzano veicoli blindati per le Forze Armate Rivoluzionarie e altri mezzi di trasporto.
Lì il  Generale d’Esercito ha ricevuto informazioni sugli indici economici dell’impresa, che conta su 1700 operai ed ha tra le principali linee di produzione, la riparazione, la manutenzione e la modernizzazione di bulldozer, gru e trattori, di camions Maz, Kamaz e Kraz, tra gli altri; di gruppi elettrogeni, caldaie e apparecchi di refrigerazione e clima.
Inoltre si occupa di altre produzioni come pallets, passerelle da spiaggia, elementi per carrozzerie in fibra di vetro e per veicoli, e mobili d’alluminio e legno per la casa.
Come nei percorsi precedenti nelle imprese militari del paese, Raúl è stato accompagnato da  José Ramón Machado Ventura, secondo segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba; da Miguel
Díaz-Canel Bermúdez, primo vicepresidente dei Consigli di Stato e dei Ministri; da Ricardo Cabrisas Ruiz, dal generale di corpo d’Esercito Leopoldo Cintra Frías e dal vice ammiraglio  Julio César Gandarilla Bermejo, titolari di Economia e Pianificazione, delle Forze Armate Rivoluzionarie e del Ministero degli Interni rispettivamente, così come da dirigenti dell’Unione dell’Industra Militare (Traduzione GM - Granma Int.)