ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Avenida Antonio Maceo (MALECON). Foto: Dunia Álvarez Palacios

Cuba ha iniziato i lavori per elaborare la sua Terza Comunicazione  Nazionale e il Primo Rapporto biannuale alla Convenzione cornice delle Nazioni Unite per il Cambio Climatico, mediante un progetto guidato dal Ministero di Scienza,
Tecnologia e  Ambiente che conta conl’appoggio finanzairio del Fondo per l’Ambiente Mondiale ed ha come agenzia di supporto  il Programma delle Nazioni Unite per  l’Ambiente.
Il dottor Eduardo Planos Gutiérrez, investigatore dell’Istituto di Meteorologia e direttore del progetto, ha detto alla stampa che come parte dei meccanismi dei lavori stabiliti i paesi firmatari della Convenzione devono informare in maniera periodica sul  compimento degli impegni presi per lottare contro il cambio climatico attraverso queste comunicazioni nazionali.
Il contenuto delle stesse comprende un  inventario delle emissioni e dell’assorbimento dei gas con effetto serra, una descrizione generale delle misure adottate o previste per implementare la Convenzione e qualsiasi altra informazione pertinente destinata alla realizzazione degli obiettivi.
Il dottor Planos ha indicato che  l’ esecuzione del progetto  contribuirà alla materializzazione del Piano dello Stato (Tarea Vida) per affrontare il cambio climatico, con politiche che facilitino un adeguato adattamento a questo processo e alla sua mitigazione, oltre a rinforzare la capacità tecnica e istituzionale del paese nel tema,  favorire l’integrazione delle conoscenze e le informazioni relative al cambio climatico e il vincolo con le priorità dello sviluppo del settore e del territorio con la produzione di materiali scientifici ed educativi.
In accordo con la stessa fonte, la Terza Comunicazione Nazionale si consegnerà nel dicembre del 2020 e l’entità responsabile del coordinamento del progetto è
L’Istituto di Meteorologia. Le due precedenti sono state notificate nel 2001 e
nel 2015 rispettivamente.

LE PRINCIPALI MINACCE PER CUBA CAUSATE  DAL CAMBIO CLIMATICO

- Aumento della temperatura dell’aria.
- Diminuzione delle precipitazioni .
- Crescita del livello medio del mare.
- Fenomeni idrometeorologici  estremi.

SCENARIO CLIMATICO PER IL 2100 IN CUBA

- Da 1,6 a 2,5 gradi Celsius più  caldo  che nel presente.

- Aumento del livello del mare da 20 a 95 centimetri.
- Tra il 10 e il 19 % pìu o meno piovoso che nell’attualità.
( Traduzione GM – Granma Int.)