ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Febbraio dovrebbe avere temperature massime e minime vicine al normale. Photo: Ismael Batista

Favorito dalle temperature massime medie che nella maggioranza delle stazioni meteorologiche di riferimento sono state tra le più basse degli ultimi 39 anni, il mese di gennaio è stato il più freddo riportato nel paese dal 2011.

Il freddo ha fatto sì che le persone si siano vestite con indumenti pesanti per un periodo più lungo di quello abituale, comportamento indotto dal predominio delle condizioni invernali per successivi periodi di tempo.

Il Centro del Clima dell’Istituto di Meteorologia ha informato nel suo bollettino più recente di Vigilanza del Clima che, in modo paradossale, la temperatura minima mensile ha superato di 1.7 gradi Celsius, il valore abituale e non ci sono state registrazioni puntuali di questa variabile al di sotto dei sei gradi, come accade con frequenza in questa tappa del calendario.

In totale sono stati tre fronti freddi: il 1º, il 12 e il 29 gennaio, un totale inferiore a quello sperato.

Chiama l’attenzione che pur essendo uno dei mesi più secchi del calendario, per le regioni centrali e occidentali, gennaio 2018 è stato il più piovoso dal 1961 ad oggi.

In accordo con le previsioni del Centro del Clima, febbraio avrà temperature massime e minime molto vicine al normale, mentre il totale delle precipitazioni starà nel rango delle abituali in occidente e in centro e al disopra della media nella zona orientale. ( Traduzione GM – Granma Int.)