ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Jose M. Correa

Sino ad oggi 33 investitori sono stati approvati nella  Zona Speciale di Sviluppo  Mariel, il centro  economico le cui produzioni e servizi si destineranno al mercato interno o all’esportazione e che vuole diventare il riferimento regionale nella captazione di capitali stranieri, ha informato  Cubadebate.
Benoit Croonenberghs, al fronte di BDC TEC – entità che fabbrica sensori di misura delle temperature, lavagne elettriche industriali e sistemi di trattamento dell’acqua, è uno degli imprenditori che hanno scommesso su Cuba, ed ha affermato che questo primo anno di lavoro è stato di  successo.
«Abbiamo investito in Cuba perchè crediamo che si compiano vari principi. Uno di questi è la redditività dell’affare; inoltre esiste un mercato che domanda i nostri servizi», ha commentato ed ha aggiunto che nell’attualità si fomenta la collaborazione con le università dell’Isola.
Lo Stato cubano ha investito circa 300 milioni di USD annuali nello sviluppo delle infrastrutture di alto standard,  che sono già a disposizione degli investitori.
Inoltre ha captato un totale di investimenti che superano i 1189 milioni di dollari.
Durante la prima tappa del progetto, dal 2011 al 2014, si è conclusa la prima fase del  Terminale dei Contenitori di Mariel (TCM), anello fondamentale per l’entrata e l’uscita delle merci.
Sono stati costruiti un viale d’accesso per unire l’autostrada L’Avana -Pinar del Río con la TCM  e la prima tappa della Zona di Attività  Logistiche.
È terminato il vincolo ferroviario con L’Avana e sono state realizzate le prime azioni di dragaggio. ( Traduzione GM - Granma Int.)