ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Con la ratificazione  del Trattato di Non Proliferazione delle  Armi Nucleari, Cuba si  pone all’avanguardia nel rifiuto di queste tecnologie di guerra,  il cui utilizzo potrebbe provocare la fine della specie umana.
La agenzia Prensa Latina ha informato che  la rappresentante permanente cubana presso  la ONU, Anayansi Rodríguez, ha depositato il 30 gennaio lo Strumento di Ratificazione  di questo trattato in una cerimonia ufficiale.
Con questa azione l’Isola dei Caraibi ha confermato che assegna la più alta priorità alla sfera del disarmo, aggiunge un comunicato della missione diplomatica di Cuba nelle Nazioni Unite.
Il Trattato di Proibizione  delle Armi Nucleari era stato firmato dal  ministro cubano delle Relazioni Estere, Bruno Rodríguez, il 20 settembre del 2017, con i rappresentanti di altri 41 Stati.
Sino ad oggi Cuba è il quinto paese che ha ratificato il Trattato, che senza dubbio potrà entrare in vigore solo quando 50 nazioni avranno completato i loro processi nazionali di ratificazione.
Il leader storico della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro, è stato uno dei maggiori critici del rischio che implicano le armi nucleari per la civiltà dedicando numerosi discorsi e scritti  che invitano alla loro scomparsa. ( Traduzione GM – Granma Int.)