ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Manifestazione Centrale per il 45º Anniversario delle relazioni di CARICOM e Cuba, con la presenza di Esteban Lazo Hernández Presidente presidente dell’ Assemblea Nazionale del Potere Popolare; Mercedes López Acea, vice presidente del Consiglio di Stato, e Bruno Rodríguez Parrilla, ministro delle Relazioni Estere Photo: Ismael Batista

La decisione di Barbados, Guyana, Giamaica e Trinidad y Tobago di stabilire relazioni con Cuba l’8 dicembre del 1972  aveva affermato l’indipendenza delle giovani  nazioni e marcato l’inizio della pratica di parlare con una sola voce della Comunità dei Caraibi ( Caricom), ha detto a L’Avana il 6 dicembre, l’ambasciatrice del Belice, Lou-Anne Burns,  durante la celebrazione del 45º anniversario del gesto che segnò le relazioni tra il blocco e la più grande delle Antille.
Durante la gala commemorativa nel  Teatro Martí della capitale, che ha contato con una presentazione speciale della Compagnia di Danza Acosta Danza, la Burns  ha ricordato il legato del leader storico della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, ispiratore di molti leaders dei Caraibi nelle lotte contro il colonialismo e per la loro indipendenza.
La diplomática ha risaltato anche l’importanza de VI Vertice Caricom-Cuba che si è svolto l’8 dicembre in Antigua y Barbuda, una nuova opportunità per passare in rivista i vincoli bilaterali.
«L’appuntamento, ha detto la diplomatica, ha l’obiettivo di approfondire l’integrazione politica ed economica oltre a fomentare i vincoli del  turismo multi-destino, massimizzare l’uso della scienza e la tecnologia e rinforzare la risposta ai disastri naturali».
La viceministra cubana delle Relazioni Estere, Ana Teresita González, ha segnalato che le relazioni tra i paesi della comunità dei Caraibi e Cuba si sono approfondite negli ultimi decenni e che una mostra di questi legami è stato l’appoggio reciproco di fronte al disastro provocato dal passaggio dei due uragani di massima intensità, Irma e Maria.
«Nella misura delle sue possibilità, Cuba ha inviato aiuti umanitari e personale specializzato per il recupero della rete elettrica, il risanamento dei boschi e la costruzione nelle isole più  colpite, tra le quali  Antigua y Barbuda e Dominica.
Siamo riusciti a servirci di progetti d’assistenza tecnica nei settori dell’industria alimentare, lo sport, la biotecnologia, la costruzione e l’energia oltre che delle centinaia di collaboratori cubani della salute e dell’educazione che prestano servizio nelle nazioni dei Caraibi»,  ha assicurato la González.
Hanno partecipato i membri del Burò Politico del Comitato Centrale del PCC Esteban Lazo Hernández, presidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare; Mercedes López Acea, vice presidente del Consiglio di Stato, e Bruno Rodríguez Parrilla, ministro delle Relazioni Estere con José Ramón Balaguer Cabrera, membro della Segreteria, tra le altre personalità.  (Traduzione GM -Granma Int.)