ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Miguel Díaz-Canel Bermúdez, membro del Burò Politico del Partito Comunista di Cuba e primo vicepresidente dei Consigli  di Stato e dei Ministri,  ha partecipato alla seconda e ultima giornata di lavoro dell’Assemblea  Nazionale della Federazione degli Studenti della Scuola Superiore  (FEEM).
Il Centro delle Convenzioni di Cojímar, nella capitale cubana, ha accolto i 350 delegati e invitati all’appuntamento, che hanno dedicato questa sessione generale finale alla riflessione sulla responsabilità dell’organizzazione studentesca nella formazione integrale delle nuove  generazioni, garanti della continuità storica della Rivoluzione.
Il punto di partenza del dibattito è stata la relazione centrale presentata da Niubys García Otaño, presidente della commissione organizzatrice del forum, un riassunto per valutare il lavoro dal  XI Congresso della FEEM, realizzato nel  2008,  che senza tralasciare quanto realizzato, mira soprattutto a quel che resta da fare e costruire.
Nel documento sono presenti i movimenti, il processo dell’organizzazione e il rafforzamento delle sue basi, la vita e l’operato del lavoro politico - ideologico e le altre priorità e gli assoluti doveri degli alunni, con al primo punto lo studio cosciente.
Così  come la stessa Assemblea, la relazione centrale costituisce un’offerta d’amore a Fidel, fondatore della FEEM 47 anni fa che, come Comandante in Capo della Rivoluzione Cubana, ha dato per tutti i tempi al suo più fedele esercito , gli studenti, l’ordine di custodirla.
«Al prezzo di qualsiasi sacrificio lo faremo, questo possiamo giurarlo. Continueremo facendo futuro, andando  sempre avanti, ispirati dall’esempio  e dal legato del nostro caro Fidel», conclude la Relazione Centrale presentata in questo secondo e ultimo giorno di sessioni (ACN/ Traduzione GM - Granma Int.)