ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Nel percorso della comunità Brasil, Ramonet ha apprezzato i lavori che si eseguono per trasformare vecchi edifici in 108 appartamenti confortevoli. Photo: Miguel Febles Hernández

CAMAGÜEY.–Ha definito Irma “un uragano fuori serie”.
Ignacio Ramonet, noto intellettuale ha reiterato anche in questa città che il ciclone è stato una conseguenza della peggiore crisi che vive oggi il mondo: quella climatica, capace d’ammazzare e distruggere molto più di qualsiasi altro fenomeno e di porre in pericolo l’umanità intera.
In un incontro con professori e studenti dell’Università di Camagüey “Ignacio Agramonte Loynaz”, il  giornalista, storiografo e politologo, ha commentato che l’unica maniera d’affrontare questa situazione è partire da un cambio radicale collettivo e individuale nel modo di consumare e di comportarsi imposto dal capitalismo.
L’autore di “Cento ore con Fidel”, ha preso come pretesto la presentazione del suo nuovo libro “Limpero della vigilanza”, per riflettere con la comunità universitaria sui vantaggi, le sfide e i pericoli che apportano le tecnologie dell’ informazione e la comunicazione - TIC -  nella vita di qualsiasi società.
Al termine dell’incontro, il direttore dell’edizione spagnola di Le Monde Diplomatique,  ha visitato il centro storico della città e vari luoghi dove si promuove l’uso creativo delle TIC, vincolato con altre opzioni ricreative come il Passeggio tematico del cinema, il Passeggio tecnologico, e il Centro Commerciale El Cristal.
Accompagnato da  Jorge Luis Tapia Fonseca e Isabel González Cárdenas, massimi dirigenti del Partito e del Governo nella provincia, rispettivamente, Ignacio Ramonet ha apprezzato poi le azioni di recupero dei danni provocati dall’uragano Irma nel consiglio popolare Brasil, del municipio di Esmeralda.
«Potremmo dire che quello che sta succedendo qui, in questo momento, ha detto emozionato l’intimo amico di Cuba, è il pensiero di Fidel in azioni, in fatti, e questo dimostra che il suo pensiero è sempre vivo e i suoi insegnamenti sono vivi più che mai». 8 Traduzione GM – Granma Int.)