ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Guantánamo.–La trascendenza universale del pensiero e dell’azione rivoluzionaria di Ernesto Che Guevara  è stata al centro dei dibattito del Seminario Scientifico organizzato  dalla Scuola Provinciale del Partito, Israel Reyes Zayas,  dedicato a rendere omaggio all’insigne guerrigliero a 50 anni dalla sua morte in combattimento in Bolivia.
30 relazioni sulla vita e l’opera del Guerrigliero Eroico sono state presentate nell’incontro iniziato con la conferenza magistrale “Il pensiero vivo del Che”, impartita dallo storiografo e combattente dell’Esercito Ribelle Luis Figueras Pérez.
I lavori presentati hanno analizzato il Che nelle più differenti sfumature: come uomo senza macchia, come politico, economista e modello di dirigente rivoluzionario.
Inoltre sono state riconosciute le sue qualità come stratega militare, combattente instancabile contro l’imperialismo e paradigma dell’internazionalismo, così come la sua visione trasformatrice del mondo e il suo concetto del ruolo protagonista della gioventù  nella lotta dei popoli e nella costruzione del socialismo.
La vicedirettrice alle investigazioni e ai corsi post-laurea dell’istituzione, la dottoressa in Scienze Noralis Palomo Díaz,  ha risaltato la vigenza delle idee di Guevara per le attuali e le future generazioni, così come l’importanza di scambiare esperienze e socializzare idee per un uso più efficace del suo legato nella costruzione del socialismo in Cuba.
Il seminario ha reso omaggio anche a Israel Reyes Zayas, compagno del Che nelle gesta del Congo e della Bolivia, e a un gruppo di guantanameri che parteciparono con il Guerrigliero Eroico alla prima di quelle missioni. ( Traduzione GM – Granma Int.)