ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

La direttrice di Granma Internacional e vice direttrice  del quotidiano Granma, Arlin Alberty Loforte,  ha ricevuto un gruppo di 25 amici di Cuba che appartengono all’Associazione Svizzera-Cuba, provenienti dalla Svizzera ticinese, che stanno realizzando un viaggio che toccherà quasi tutta l’Isola.
L’Associazione Svizzera-Cuba è nata per solidarietà con la Rivoluzione Cubana negli anni ’60, poco dopo il trionfo rivoluzionario  del 1º gennaio del 1959.  ispirata agli stessi ideali della Rivoluzione cubana, di solidarietà, giustizia sociale, uguaglianza e fraterna collaborazione tra i popoli, e si batte contro ogni forma di razzismo, oppressione e ingerenza negli affari interni di altre nazioni, per l’autodeterminazione dei popoli, la salvaguardia dei diritti umani, collettivi e individuali, per il consolidamento della pace nel mondo.  
La ASC lavora in stretta collaborazione con l’ICAP, Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli.
Arlin ha spiegato ai visitatori la storia di Granma, organo ufficiale del PCC e di Granma Internacional,  che si pubblica in diverse lingue.  Poi ha offerto molte informazioni sulla realtà di Cuba ed ha ringraziato per la solidarietà, che è anche una via per informare e dire la verità sul blocco e sulle limitazioni extraterritoriali imposte dagli Stati Uniti a Cuba.
Molti del gruppo guidato dal presidente della Sezione Svizzera Ticinese Federico Jauch,  sono venuti a Cuba per la prima volta e non conoscono quasi nulla della realtà dell’Isola e della vita dei cubani.  
È stato chiesto quanti giornali si stampano in Cuba e una visitatrice ha domandato di quali diritti godono le donne cubane, ed è stato confermato che nell’Isola questi diritti  sono molti più di quelli che  in molti paesi si offrono alle lavoratrici e alle madri…
Una professionista del gruppo svizzero ha detto che in percentuale la violenza contro le donne in Svizzera è più alta persino di quella italiana, la nazione con più femminicidi d’Europa.
La brevissima visita, data la loro agenda molto fitta, ha permesso comunque ai visitatori d’iniziare il loro giro in un luogo di grande interesse e di ricevere molte informazioni sullo sviluppo della società cubana, prima di partire per Viñales, Santa Clara, Cienfuegos, Santiago di Cuba, Baracoa, Hoguín e Guardalavaca, in un soggiorno di 18 giorni . Il gruppo ripartirà poi dall’aeroporto di Holguín.