ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
La Colmenita, nel 90º anniversario della nascita di Abel Santamaría Cuadrado, a Encrucijada - Photo: Mederos, Sadiel

Encrucijada, Villa Clara.– La compagnia infantile di teatro La Colmenita, ha dedicato a un uomo eccezionale e imprescindibile della nostra storia, Abel Santamaria Cuadrado,  l’opera “La storia di un essere di un altro mondo”, omaggio con il quale è terminato l’omaggio all’Eroe della Moncada nel 90º anniversario della sua nascita. Ha assistito ala recita Miguel Díaz-Canel Bermúdez, membro del Burò Politico e primo vicepresidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, e il Comandante della Rivoluzione Ramiro Valdés Menéndez.
L’irrefrenabile applauso dei presenti  allo spettacolo, realizzato nella piazza che sionora diportare il nome di colui che fu definito da Fidel come il più generoso, amato e intrepido dei nostri giovani, ha sottolineato l’approvazione degli spettatori  all’opera nella quale, attraverso il gioco e il dialogo intelligente dei bambini sono affiorate le virtù che caratterizzavano il giovane Abel.
Al termine dell’omaggio, Carlos Alberto Cremata Malberti, direttore de La Colmenita, ha detto che con questo spettacolo si realizzava un sogno di Fidel che gli aveva chiesto di cercar di concepire un progetto nel quale apparisse l’eccelsa figura di chi lui considerava uno dei compagni di lotta meno conosciuto.
Durante l’attività, a cui hanno partecipato  Omar Ruíz Martín, membro della Segretaria del Comitato Centrale del Partito e le massime autorità politica e di governo di Villa Clara, Julio Lima Corzo  e Alberto López Díaz, è intervenuto Ronald Hidalgo Rivera, secondo segretario del comitato nazionale dell’Unione dei  Giovani Comunisti,  che ha segnalato l’integrità di quel giovane che a soli 15 anni seppe offrire la vita per non lasciar morire l’Apostolo nell’anno del centenario della sua nascita.
Poi ha ricordato la lealtà di  Abel con il capo dell’azione del  26 di Luglio e la sua ansia per preservare la vita di Fidel.
«Abel, ha detto,  rappresenta il modello di giovane che necessitiamo nella nostra società; allegro, profondo e disposto a sacrificare tutto per il bene comune, ed ha ratificato l’impegno delle nuove generazioni di preservare e continuare il suo legato.
Prima della veglia è stato annullato un francobollo ed è stato presentato un numero speciale della Rivista Umbral, dedicata completamente alla famiglia Santamaría Cuadrado ed è stato proiettato un documentario con le testimonianze di coloro che conobbero il giovane Abel, nel quale si rivelano le sfumature più intime dell’Eroe.
Inoltre è stata presentata anche un’applicazione per telefoni cellulari realizzata dal Gruppo di Sviluppo  KaleydoBit, della facoltà di Matematica, Fisica e Computazione dell’Università Centrale Marta Abreu di Las Villas.( Traduzione GM – Granma Int.)