ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Solidarietà con Cuba Photo: Prensa Latina

Tre aerei proveniente dal Giappone,  Bolivia e Colombia sono giunti ieri a Cuba con aiuti umanitari per i danneggiati dal poderoso uragano Irma, un potente ciclone che ha devastato di recente l’Isola dei Caraibi.
Da quando le immagini hanno mostrato al mondo gli enormi danni provocati da Irma, la comunità internazionale ha espresso la sua solidarietà con l’Isola delle Antille che ha sofferto grandi perdite materiali in diversi settori.
Durante questa tappa di recupero che mantiene un ritmo ascendente in materia di pulizia e nella ripresa dei servizi vitali alla popolazione, giungono nel paese dei Caraibi da nazioni donazioni diadifferenti latitudini.
Come parte dei gesti altruisti nelle ultime ore è giunto un carico di otto tonnellate di aiuti umanitari proveniente dal Suriname, trasportato dalla nave PZ-TCQ della Surinam Airways, con riso, acqua, latte, lenzuola e prodotti per la pulizia.
Secondo il segretario permanente del Ministero dei Temi Esteri del  Suriname, Michiel Raafenberg, il principale obiettivo di questo invio è mostrare a Cuba l’appoggio solidale di questo paese sudamericano in nome dell’amicizia che unisce le due nazioni.
Inoltre è arrivata a Cuba una nave dell’Armata della Repubblica Dominicana con un carico di aiuti per i cubani.
In accordo con il comandante dell’imbarcazione, il capitano di fregata
MacDonal Belliard, si tratta di un carico di circa 90 tonnellate  di materassi  e materiali per la costruzione, legname, lamine di zinco, porte di metallo e altro.
Il carico è stato portato per indicazione diretta del presidente dominicano, Danilo Medina, che quando ha conosciuto i danni provocati dall’uragano ha telefonato ai diplomatici dell’Isola ed ha espresso il suo appoggio.
 Il Venezuela il 12 settembre  è stato il primo paese ad inviare aiuti umanitari a Cuba con un aereo 2803 modello Y-8 della Forza Aerea Venezuelana, arrivato  nell’aeroporto internazionale José Martí con un messaggio di solidarietà a nome di questo popolo e del suo  presidente costituzionale, Nicolás Maduro, e con un carico di  7,3 tonnellate destinate ai danneggiati cubani.
Il primo invio comprendeva un lotto di materassi, acqua e alimenti in scatola.
 Traduzione GM – Granma Int.)