ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

A lavorare  intensamente nei prossimi giorni, con la mira posta alle soluzioni delle difficoltà!
Il Consiglio della Difesa Provinciale (CDP) de L’Avana ha fatto questo richiamo nella riunione di lavoro realizzata ieri, giovedì 14, con la partecipazione del membro del Burò Politico del Partito Esteban Lazo Hernández, presidente dell’ Assemblea Nazionale del Potere Popolare.
Raúl Carmona, vicepresidente del Consiglio d’Amministrazione Provinciale e Capo del sottogruppo di Energia e Miniere  ha sostenuto che restano da ristabilire nel servizio elettrico due circuiti della rete di distribuzione primaria situati a L’Avana dell’Est e a Tararà,  e che  l’impegno e terminarli oggi.
«Dalla notte di ieri mercoledì si stanno creando gruppi di lavoro  dentro ogni circuito per cominciare ad attendere tutti i banchi di trasformatori e i quartieri che possono avere problemi parzial i, ha detto Carmona, in una conversazione con il Generale di Divisione della Riserva, Ramón Pardo Guerra, capo dello Stato Maggiore Nazionale della Difesa Civile.
La membro del Burò Politico e presidente del CDP, Mercedes López Acea, ha detto che anche se sono stati risolti i problemi di 302 circuiti  della rete primaria, quasi la totalità, resta l’insoddisfazione della popolazione per la rete secondaria . Nel primo pomeriggio c’erano 2600 danni nella rete secondaria, cioè circa 10.000 persone senza elettricità, ha detto.
Jesús Samón Leyva, direttore generale dell’Impresa Elettrica, ha detto che: «Partendo da ora s’intensifica il recupero della rete secondaria dove ci sono problemi associati a cavi al suolo, trasformatori saltati e problemi di voltaggio. Inoltre 30 macchine di guardia lavorano tutta la notte per risolvere avarie secondarie».
Norberto Marell, delegato aggiunto di Risorse Idrauliche de L’Avana ha sostenuto che le azioni di risanamento di 1893 cisterne sono terminate.  
Nel sistema Cuenca Sur in questo momento ci sono sottostazioni di pompaggio collegate al sistema elettroenergetico nazionale e per questo, oggi venerdì, si dovrà offrire in  forma effettiva  il terzo servizio di distribuzione di acqua ai municipi del centro, partendo dalla capacità totale.
Luis Carlos Góngora, vicepresidente del Consiglio d’Amministrazione Provinciale ha detto che si continua a lavorare in otto centri di elaborazione, sono state intensificate le vendite di prodotti gastronomici nei punti creati nel litorale de L’Avana.
Inoltre è stato stabilito  un calo dei prezzi degli alimenti elaborati e la vendita di prodotti agricoli, ed è stata stabilizzata la produzione del pane.  Nel 94% delle panetterie stanno lavorando.
Juan Julián Caballero, direttore generale dell’Impresa dei Trasporti de L’Avana ha informato che ieri giovedì sono riprese sei rotte che continuano  le 11 deviate per il problema del Tunnel della Baia inondato.
Inoltre ha informato che sono stati messi a disposizione della popolazione tre mezzi a rotazione  per alleviare il transito da Cojímar, il reparto Camilo Cienfuegos e l’Ospedale Navale.
A questo  proposito, Lazo si è interessato alla situazione del  Tunnel della Baia, dove, ha detto  Caballero, si lavora per riaprirlo domenica prossima.
Durante l’incontro al quale ha partecipato anche il membro del Burò Politico e segretario generale della Centrale dei  Lavoratori di Cuba  Ulises Guillarte de Nacimiento, si è saputo che tutti gli ospedali stanno prestando servizio alla popolazione e che contano sull’energia elettrica.  Su 500 scuole danneggiate si è lavorato al recupero di 128.  
Nelle ultime 24 ore sono stati raccolti 58.000 metri cubi di detriti solidi e domenica dovrebbero essere ristabilite le comunità di transito.
René Mesa, ministro della Costruzione ha richiamato l’attenzione sulla necessità di guadagnare in efficienza  utilizzando le squadre a disposizione per questo compito.
«Contiamo su una grande forza, ma a volte si perde tempo», ha detto.
Abbiamo una fila di camion che aspettano il primo carico e una sola macchina a pala per riempirli. Dobbiamo sollecitarne altre e anche altre motoseghe, per guadagnare in produttività».
La presidente del CDP  ha coinciso con i problemi esposti ma ha anche sostenuto che stanno arrivando macchine a pala da Las Tunas, Granma e Guantánamo, per appoggiare in questo compito ed ha convocato per il fine settimana a una mobilitazione con l’appoggio di tutti gli organismi per giungere con lo sforzo di tutti a 700 camion.
Al  proposito, López Acea  ha indicato gli aiuti offerti in questi giorni dai Ministeri della Costruzione e l’Agricoltura, le Forze Armate Rivoluzionarie (FAR) e il Ministero degli Interni. Inoltre ha riconosciuto la partecipazione della popolazione ai lavori di pulizia della città.  
(Traduzione GM – Granma Int.)