ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Granma

Al momento di scrivere questa nota, alle 22.00 di venerdì e dopo aver mantenuto per varie ore la rotta verso ovest il potente uragano Irma ha toccato terra cubana per l’estremo orientale di Cayo Romano, a nord delle province di Camagüey e Ciego de Ávila.
Il dottor José Rubiera, ha informato che ala fine della notte di venerdì e durante l’alba di oggi sabato, i venti dell’uragano di più di 120 Km. l’ora e con raffiche superiori, si estenderanno lungo la costa nord dei territori citati e a Sancti Spíritus, propagandosi poi nella porzione settentrionale di Villa Clara.
Inoltre ci saranno piogge intense e forti mareggiate con onde di sette- nove metri d’altezza da Camagüey a Villa Clara, che provocheranno inondazioni elle coste di notevole importanza soprattutto nelle zone basse.
Il dottor Rubiera ha sottolineato che i venti massimi dell’uragano Irma sono nell’ordine di 250 Km, l’ora mentre la pressione minima centrale era scesa a 925 hectopascal, per  cui Irma si mantiene come categoria 4,  molto vicino al limite di 5, con venti superiori ai 252 Km. l’ora nella scala Saffir-Simpson.
Parlando delle prospettive della traiettoria di Irma, Rubiera ha indicato che per via dell’ anticlone  debilitato, dopo il movimento sopra o vicino alla costa nord del centro dell’Isola potrebbe iniziare il previsto giro a nord ovest tra il pomeriggio e la notte di oggi sabato, una rotta che lo porterebbe a passare sui cayos della Florida e ad entrare domenica dalla costa sud occidentale della penisola della Florida. ( Traduzione  GM – Granma Int.)